Santo di oggi, 16 maggio: Sant’Ubaldo e gli altri santi del giorno

Il santo del giorno è Sant’Ubaldo da Gubbio, ma vediamo anche quali sono gli altri santi che ricorrono oggi, 16 maggio, e a chi fare gli auguri per l’onomastico.

Il Santo di oggi, 16 maggio, è strettamente legato a un comune italiano: ricorre infatti Sant’Ubaldo da Gubbio, vescovo della città nel XII secolo, e a cui il comune umbro ha dedicato un’importante Basilica di Sant’Ubaldo.

Oltre a Sant’Ubaldo, però, ci sono anche altri santi oggi che possono interessare chi cerca un onomastico interessante. Allora in questo articolo conosciamo la storia e il culto del santo del giorno principale, ma elenchiamo quali sono i santi di oggi.

Infatti, la ricorrenza del santo del giorno non è solo un’occasione per rendere omaggio e fare gli auguri a chi porta il nome di Ubaldo, ma soprattutto per ricordare un personaggio religioso vicino ad alcuni luoghi o comunque fondamentale per la Chiesa.

Gubbio ancora oggi festeggia moltissimo San’Ubaldo il 16 maggio a cui è legata anche la festa dei Tre Ceri. Scopriamo tutto sul santo del giorno.

Santo di oggi, 16 maggio: storia e culto di Sant’Ubaldo

Non si conosce precisamente la data di nascita di Ubaldo, collocata tra il 1084 e il 1085, ma questa fu sicuramente a Gubbio. Deceduto il padre, fu affidato allo zio, che lo educò alla vita religiosa. Da subito si fece riconoscere per la mitezza di carattere, poi studiò dai canonici di San Secondo e a San Mariano. Fu ordinato sacerdote nel 1114, poi nominato canonico della cattedrale di Gubbio, e dopo l’incendio del 1125, si adoperò per la ricostruzione del duomo e dell’ospedale della sua città.

Rifiutò il vescovato di Perugia, ma il papa Onorio II gli attribuì quello di Gubbio nel 1129. Aiutò anche la comunità egubina durante l’assedio voluto da undici città rivali e trattò personalmente con Federico Barbarossa per evitare la distruzione da parte delle sue truppe.

In tarda età fu colpito da una malattia ma continuò fino alla fine i suoi doveri vescovili, celebrando la messa di Pasqua del 1160. Il 15 maggio chiese l’estrema unzione e morì il 16 maggio 1160, giorno in cui la Chiesa ancora lo ricorda. I funerali furono celebrati quattro giorni dopo la morte e ci fu una gran folla di fedeli ad assistere.

Sant’Ubaldo fu canonizzato nel 1192 dal papa Celestino III, e il suo corpo è custodito nella Basilica a lui dedicata a Gubbio, sul colle Ingino. Ubaldo è patrono di Gubbio, e ogni anno si svolge in suo onore la Festa dei ceri, il giorno prima della sua ricorrenza.

Viene festeggiato anche nella città francese di Thann, in Alsazia, nella cui chiesa gotica di Sant’Ubaldo, è custodita una reliquia del santo.

Gli altri santi di oggi, 16 maggio

Oltre a Sant’Ubaldo da Gubbio, oggi ricorrono: Santi Abda e Ebedieso Martiri, Beato Adamo degli Adami, Sant’ Andrea Bobola Martire, San Brendano di Cluain Ferta Abate, San Carantoco, Santi Felice e Gennadio, Martiri, San Fidolo, Santi Fiorenzo e Diocleziano Martiri, San Germerio di Tolosa Vescovo, Beato Michele (Michal) Wozniak Sacerdote e martire, Sant’Onorato di Amiens Vescovo, San Pellegrino d’Auxerre Vescovo e martire, San Possidonio (Possidio), Venerato a Mirandola, Santi Quarantaquattro monaci, Martiri di Mar Saba, San Simone Stock e Beato Vitale Vladimiro (Vitalij Volodymyr) Bajrak Sacerdote e martire.