Autore: Redazione

Rai - Gossip

23
Apr

Bufera tra l’attore Ivano Marescotti e la Rai, che lo fa sparire dalla fiction

Marescotti, uno dei personaggi della fiction Rai ‘Una buona stagione’, viene tagliato dalle scene perché candidato alle europee

L’attore italiano Ivano Marescotti, candidato alle europee del 25 maggio con la lista Tsipras, - partito nato in Grecia e appoggiato da molte personalità note e da intellettuali del panorama italiano - viene cancellato dalla fiction Rai Una buona stagione andata in onda martedì in prima serata su RaiUno.

La Rai taglia le scene in cui l’attore bolognese compare ed elimina anche il nome dai titoli cosa inedita e inaudita secondo Marescotti.
La fiction in questione, regia di Gianni Lepre, racconta la storia di una famiglia di viticoltori del Trentino-Alto Adige e Ivano Marescotti interpreta un agronomo e consuocero di una delle protagoniste.

Ivano Marescotti, in seguito all’accaduto si dice sconcertato dalla scelta della Rai, che la definisce una presa in giro e aggiunge: “La decisione è stata presa in spregio alla storia narrata, degli attori, sceneggiatori, registi, di un’opera culturale e soprattutto del pubblico. E anche dell’intelligenza umana”.

Racconta che la Rai gli chiese di ritirare la sua candidatura alle prossime europee, ma la risposta dell’attore è stata risoluta, Marescotti non aveva nessuna intenzione di ritirarsi. Così il giorno di Pasqua, secondo quanto spiega l’attore, gli chiesero il nulla osta per tagliare tutte le scene in cui lo stesso compariva. Naturalmente Marescotti non ha acconsentito, ma la Rai ha proceduto ugualmente al taglio delle scene.

La scelta della tv pubblica, come è ovvio, non è piaciuta al protagonista della vicenda.
La Rai dal canto suo si difende affermando che hanno semplicemente applicato la norma sulla par condicio, che impedisce ai candidati di apparire in programmi di intrattenimento durante la campagna elettorale. L’attore accusa: “Questa non è par condicio, ma è manipolazione di un’opera dell’intelletto. Danneggia gli altri attori che lavorano con me, e il pubblico che vede una cosa manipolata e censurata. Una cosa che non si può fare”.
L’alternativa, secondo l’attore Marescotti, poteva essere quella di rinviare semplicemente la puntata, evitando così la censura delle immagini.

E aggiunge: “(…) i danni morali sono notevoli, la verità è che sono dei cialtroni perché nelle stesse ore su Rai premium andava in onda Raccontami, una fiction di qualche anno fa dove sono uno dei protagonisti, senza tagli e censure. Cialtronate, come altro chiamarle? Ma se si candida Pirlo alle elezioni cosa fanno smettono di mandare in onda le partite vecchie?”.