Santo del giorno, 20 giugno: oggi ricorre San Silverio

Il Santo del giorno è San Silverio Papa, ma vediamo di chi altro è l’onomastico in base a tutti i santi di oggi, 20 giugno.

Il santo del giorno è una ricorrenza interessante, specialmente per chi vuole approfondirne la storia del culto. Oggi, 20 giugno, ricorre San Silverio papa, il pontefice dal 536 all’11 marzo 537 fino a che non fu portato ad abdicare, diventando uno dei primi papi a rinunciare al proprio ruolo. L’ultimo, per ordine di tempo, è stato Benedetto XVI.

L’onomastico di oggi, oltre a essere legato a San Silverio, un nome poco diffuso in Italia, è legato anche agli altri santi del giorno che ricorrono il 20 giugno: Beato Dermot (Dermizio) O’Hurley, Sant’Ettore, i Beati Francesco Pacheco e compagni, San Giovanni (Scalcione) da Matera, Beato Giovanni Battista Zola, San Gobano, Beata Margherita Ball, Beata Margherita Ebner, San Metodio di Olimpo, Beati Tommaso Whitbread e compagni.

Vediamo tutto sul santo del giorno di oggi.

Santo del giorno, 20 giugno: San Silverio Papa

San Salverio è nato a Frosinone nel 480 circa ed è stato il 58º vescovo di Roma e Papa. Figlio legittimo di papa Ormisda, iniziò il suo percorso nella Chiesa come suddiacono di Campania.

Nel 536 quando morì Papa S. Agapito, a Roma era necessario eleggere un successore, e questo fu individuato in Silverio da Teodato, re degli Ostrogoti. La scelta non fu gradita a tutti gli ecclesiastici per la bassa estrazione da cui proveniva il nuovo Papa tra le gerarchie. Mai, prima di allora, un suddiacono era diventato Papa.

Nel clima tumultuoso in cui si trovava l’Italia, il pontefice fu fatto prigioniero e portato a Costantinopoli dove l’imperatrice Teodora lo mandò in esilio a Pàtara nell’Asia Minore. Fu accolto con gioia dalla Chiesa locale e quando l’imperatore Giustiniano si decise a farlo tornare a Roma, fu convinto all’ultimo di dirottare l’imbarcazione verso Ponza. Degli emissari annunciarono a Roma che Salverio aveva lasciato l’incarico papale in favore di Vigilio.

A Ponza fu fatto morire di stenti e di fame il 20 giugno del 538. Il suo corpo, trasportato a Roma e deposto nella basilica vaticana, fu meta di pellegrinaggi per grazie e miracoli.

San Silverio è venerato sull’Isola di Ponza, di cui è patrono: nella festa che viene celebrata ogni 20 giugno, la statua del santo viene portata in processione su una barca da pesca rivestita di garofani rossi e l’isola festeggia per tre giorni con fuochi d’artificio.

Inoltre, San Silverio è patrono di Frosinone, Scerni, Valprato Soana.