Autore: Claudia Dierna

Rinnovo permesso di soggiorno 2020: costi, modalità, durata

Come rinnovare il permesso di soggiorno? Quali sono i costi per il rinnovo? Quali sono i requisiti? vediamo nel dettaglio cosa bisogna sapere

Cosa è il permesso di soggiorno

E’ un atto amministrativo che autorizza lo straniero extracomunitario (non appartenente ad uno Stato membro dell’Unione Europea) a restare legalmente nel territorio italiano, durante un periodo di residenza variabile, per motivazioni considerate valide quali:

  • adozione,
  • affidamento,
  • attesa di occupazione,
  • attesa di riacquistare la cittadinanza,
  • rinnovo dell’asilo politico,
  • famiglia,
  • attività di lavoro autonomo,
  • lavoro subordinato anche stagionale,
  • missione,
  • motivi religiosi,
  • residenza elettiva,
  • ricerca scientifica,
  • richiesta e rinnovo dello status di apolide,
  • studio,
  • tirocinio,
  • formazione professionale,
  • turismo.

Il permesso di soggiorno è importante per avere accesso all’iscrizione anagrafica per stranieri, ottenere il rilascio della carta d’identità ed il codice fiscale necessario per potersi avvalere dell’assistenza sanitaria o aprire un conto corrente in banca.

Requisiti per la richiesta del permesso di soggiorno

Il permesso di soggiorno va richiesto da tutti i cittadini stranieri non comunitari in possesso di un Visto Nazionale (VN) per soggiorni superiori ai 90 giorni, entro otto giorni dall’ingresso nel territorio nazionale. Requisito indispensabile è che l’ ingresso nel nostro Paese sia regolare ed è tale quando lo straniero è in possesso di un valido passaporto od altro documento di viaggio, dispone di documenti che giustificano lo scopo dell’ingresso e le proprie condizioni, dimostra di avere mezzi finanziari sufficienti, non è considerato pericoloso per l’ordine pubblico e la sicurezza dello Stato, non è stato condannato, anche con sentenza non definitiva, per gravi reati.

Modalità di richiesta e rinnovo del permesso di soggiorno

La richiesta del permesso di soggiorno va rivolta all’ Ufficio Immigrazione della Questura territorialmente competente in cui lo straniero ha la residenza ed intende soggiornare. In virtù dell’apposita convenzione stipulata tra Poste Italiane e il Ministero dell’Interno la richiesta può essere validamente inviata alla Questura anche dagli uffici postali abilitati. Stessa procedura anche per il rinnovo del permesso di soggiorno, da richiedere almeno 60 giorni prima della scadenza (90 giorni in caso di permessi per lavoro e famiglia), come pure per il suo aggiornamento (cambio domicilio, stato civile, inserimento figli, cambio passaporto).

Il rinnovo consiste nel rilascio al cittadino straniero di un nuovo permesso di soggiorno di durata non superiore a quella stabilita con il rilascio iniziale. Lo straniero, al momento del rinnovo, deve essere in possesso degli stessi requisiti previsti per l’ingresso. Lo Sportello Unico per l’immigrazione presso tutte le prefetture italiane, il Comune o un patronato abilitato possono anche dare assistenza gratuita e qualificata allo straniero richiedente il permesso di soggiorno o il suo rinnovo.

Costi per il permesso di soggiorno

Lo straniero che richiede il permesso di soggiorno deve sostenere i seguenti costi:

  • marca da bollo 16,00 euro
  • 30,00 euro per inviare alla Questura, via posta con raccomandata speciale, il modulo di richiesta compilato
  • 30,46 euro per ricevere il permesso di soggiorno elettronico (PSE)

Ai 30,46 euro del PSE si devono aggiungere:

  • 40,00 euro per il rinnovo del permesso di soggiorno con durata superiore a tre mesi e sino ad un anno di scadenza
  • 50,00 euro per il rinnovo del permesso di soggiorno con una durata superiore ad un anno e sino a due anni di scadenza
  • 100,00 euro per richiedere il permesso di soggiorno di lungo periodo UE (ex carta di soggiorno) e per il rilascio del permesso di soggiorno per i dirigenti ed i lavoratori specializzati

Non devono pagare questi contributi stranieri minori di 18 anni o che sono in Italia per cure mediche e loro accompagnatori, stranieri che chiedono duplicato o conversione delle motivazioni del permesso di soggiorno, titolari di protezione internazionale che richiedono il permesso di soggiorno di lungo periodo.

Durata del permesso di soggiorno

La durata del permesso di soggiorno, in ogni caso, non deve essere superiore a:

  • 3 mesi per visite, motivi di turismo o affari
  • 6 mesi nel caso di permesso per motivi di protezione sociale rinnovabile per un anno
  • 9 mesi in caso di lavoro stagionale non rinnovabile
  • 1 anno per motivi di studio o formazione, rinnovabile annualmente in caso di corsi pluriennali
  • 2 anni per motivi di lavoro autonomo, subordinato a tempo indeterminato o ricongiungimento familiare
  • 1 anno in caso di lavoro subordinato a tempo determinato
  • durate diverse possono dipendere da particolari necessità che devono essere documentate analiticamente.

Proroga di validità del permesso di soggiorno

Il Decreto Cura Italia prevede che a causa dell’emergenza Covid-19 i permessi di soggiorno di cittadini stranieri non comunitari, con scadenza prevista tra il 31 gennaio e il 31 luglio 2020, conservano la loro validità fino al 31 agosto 2020. Per maggiori informazioni consultare il Portale Immigrazione promosso dal Ministero dell’Interno in collaborazione con Poste Italiane e Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) al link portaleimmigrazione.it.


RIFERIMENTI NORMATIVI

  • Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286
  • DPR 31 agosto 1999, n. 394
  • Legge 28 maggio 2007, n. 68
  • Legge 15 luglio 2009, n. 94
  • Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 5 maggio 2017
  • Decreto legge 4 ottobre 2018, n. 113
  • Legge 24 aprile 2020, n. 27 di conversione del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (Decreto cura Italia)