Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

29
Apr 2020

Reddito di Emergenza (Rem Covid-19) per disoccupati e lavoratori in nero a rischio rinvio: i dubbi su quando arriva ed i possibili requisiti Inps

Continuano a moltiplicarsi le prese di posizione rispetto al reddito di emergenza: in molti lo criticano per l’estensione ai lavoratori in nero, ma c’è chi lo vorrebbe già nel prossimo decreto legge di fine aprile.

Le ultime notizie ad oggi 29 aprile 2020 sul reddito di emergenza vedono il possibile finanziamento della misura con circa un miliardo di euro all’interno del nuovo decreto legge in arrivo a fine aprile. Un’opzione che garantirebbe perlomeno la partenza del sussidio, anche se con una platea che al momento apparirebbe piuttosto limitata rispetto a provvedimenti come la cassa integrazione ed il bonus 600 euro.

D’altra parte, con il passare dei giorni la discussione sul nuovo REM si è fatta sempre più accesa. Sono in molti a criticare la possibilità di estendere la misura di sostegno anche ai lavoratori in nero che non hanno versato contributi, tanto che una differenza di vedute sarebbe emersa anche all’interno della stessa maggioranza.

Così, c’è chi ritiene che l’inserimento del reddito di emergenza all’interno del prossimo decreto risulti prematura. Un possibile slittamento ad un decreto in definizione durante il mese di maggio o giugno potrebbe certamente aiutare a definire con maggiore attenzione il campo d’azione del sostegno di welfare, ma farebbe anche slittare i primi pagamenti a giugno o luglio.

Reddito di Emergenza per disoccupati e lavoratori in nero: le resistenze interne alla maggioranza

Secondo la Sottosegretaria all’Economia Maria Cecilia Guerra “il dibattito è aperto” e la partita si sta giocando proprio in questi giorni. L’esponente del governo ha sottolineato durante un’intervista rilasciata per InBlu Radio che sussiste “una certa resistenza da alcune parti politiche, che pensano che le persone in difficoltà economica che hanno bisogno di essere assistite sono in questa condizione per colpa loro”.

Ma Guerra sottolinea che “in questo momento c’è bisogno di un aiuto temporaneo e non possiamo pensare che chi non ha la possibilità di guadagnare debba essere lasciato a se stesso”. Anche per questo si sottolinea l’importanza di avviare il Reddito di Emergenza il prima possibile, e comunque già all’interno del prossimo decreto.

Nella pratica, il REM sarebbe destinato a tutti quei lavoratori che non possono usufruire dei sostegni dedicati ai lavoratori dipendenti (come la cassa integrazione e la naspi), così come a coloro che svolgendo attività in nero non versano contributi all’Inps.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cassa integrazione Inps Coronavirus, in molti domandano quando arriva: la prova della verità entro pochi giorni, ma intanto si attiva l’opzione di anticipo da banche e Poste

La platea potenziale del REM è di 2,5 milioni di persone

D’altra parte, nella fase iniziale del REM si potrebbe puntare a fornire un sostegno concreto a circa un milione di nuclei familiari, garantendo in questo modo un aiuto a circa 2,5 milioni di persone. Secondo le ultime indiscrezioni la misura avrebbe una durata iniziale di due mensilità, un arco di tempo durante il quale l’esecutivo potrebbe decidere un’eventuale prosecuzione della misura.

Per quanto concerne invece i parametri di acceso, l’idea consiste nel prevedere due differenti soglie di reddito e patrimonio, facendo ricorso all’ISEE. In questo modo si arriverebbe ad escludere da un lato la platea di coloro che già beneficiano del reddito e della pensione di cittadinanza e dall’altro lato i ceti medio-alti.

Nella pratica, le fasce di reddito dovrebbero andare tra le 6mila e le 15mila euro, ma il valore si adeguerà in base ai componenti del nucleo familiare. In sintesi, l’erogazione punta a garantire un sussidio minimo di circa 500 euro, a salire fino ad 800 euro in base alla situazione specifica dei richiedenti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il Bonus 600 euro Inps verso le 800 euro a maggio 2020: si pensa al rinnovo automatico, ma è caccia ai furbetti