Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

Reddito di cittadinanza: pagamento regolare a giugno 2020, ecco quando arriverà

Il pagamento del reddito di cittadinanza per il mese corrente è fissato a partire dal prossimo 27 giugno 2020. I flussi relativi al sostegno di welfare saranno regolari.

Arrivati nella seconda metà del mese di giugno 2020 i percettori del reddito di cittadinanza si chiedono quando sarà erogato il beneficio di welfare. I flussi di pagamento saranno regolari anche durante il mese corrente, pertanto gli accrediti verranno eseguiti dall’Inps a partire dal prossimo 27 giugno. Bisogna considerare che in questa occasione il giorno cadrà di sabato.

Questo potrebbe significare che il pagamento per molti risulterà effettivamente visibile sulla tessera di cittadinanza a partire dal giorno 27, ma in alcuni casi la disponibilità pratica potrebbe concretizzarsi a partire dal 28-29 giugno. Resta assodato che tutti i pagamenti saranno eseguiti entro la fine del mese.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cassa Integrazione, da metà luglio l’Inps anticipa il 40%: Tridico ricorda che l’ente «non è una banca, ma un’istituzione»

Reddito di cittadinanza: le domande accolte a maggio hanno ricevuto il pagamento con la consegna della card

Quanto appena evidenziato risulta valido solo per coloro che hanno già i pagamenti in corso. In particolare, i percettori che hanno visto l’accoglimento della propria domanda di accesso al reddito e alla pensione di cittadinanza nel mese di maggio hanno già ricevuto la card contenente il primo accredito alla metà del mese corrente.

Per chi invece ha inoltrato la propria pratica nel corso di giugno, sarà invece necessario attendere la metà del prossimo mese, quando avverrà la consegna fisica della Postepay contenente il primo accredito.

Con il Coronavirus i percettori del reddito di cittadinanza sono aumentati del 18%

Rispetto alle ultime erogazioni del reddito di cittadinanza sono giunti importanti aggiornamenti da parte del Presidente dell’Inps Pasquale Tridico, il quale ha evidenziato la crescita dei sussidi erogati dopo lo sviluppo della crisi economica dovuta a Covid-19. Secondo l’economista alla guida dell’ente pubblico, “c’è un aumento del 18% da pre-coronavirus a post coronavirus”.

Rispetto invece alla platea generale, Tridico ha spiegato che il meccanismo di welfare ha ormai raggiunto il 60% dei potenziali beneficiari stimati in precedenza. Si tratta di quindi di uno strumento divenuto fondamentale per la lotta alla povertà e al disagio economico.

TI POTREBBE INTERESSARE: Bonus 1000 euro maggio 2020: ecco chi ha diritto al pagamento da parte dell’Inps