Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

16
Apr 2020

Reddito di cittadinanza, confermata la sospensione degli obblighi fino al prossimo 1° giugno

Gli obblighi relativi al reddito ed alla pensione di cittadinanza, comprese le comunicazioni legate alla variazione del nucleo familiare, restano sospesi fino alla fine di maggio per via dell’emergenza Coronavirus.

Tra le misure prese dal governo al fine di contenere l’emergenza dovuta al diffondersi del Coronavirus vi sono anche alcuni importanti provvedimenti relativi al reddito ed alla pensione di cittadinanza e riguardanti gli obblighi legati alla fruizione dei benefici di welfare. Il riferimento non va solo agli adempimenti relativi al reinserimento lavorativo, ma anche alle incombenze burocratiche legate alle possibili variazioni del proprio profilo.

Il riferimento va ai provvedimenti inseriti all’interno del recente decreto “Cura Italia”, con il quale di fatto vengono sospesi a partire dallo scorso 23 febbraio e fino al prossimo 1° giugno 2020 i termini di decadenza delle prestazioni di natura assistenziale erogate dall’Inps.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cassa Integrazione: quando arriva il pagamento e come controllare il flusso sul sito Inps

Reddito di cittadinanza: sospesi i termini di comunicazione

In particolare, all’interno del decreto si legge che risultano sospesi anche “termini perentori afferenti alle comunicazioni in capo ai titolari di Reddito di Inclusione, che condivide con il Reddito di Cittadinanza la natura di misura di contrasto alla povertà”. Il riferimento va alle variazioni del nucleo familiare, su cui vige l’obbligo di comunicazione entro due mesi dal verificarsi dell’evento.

Risulta inoltre sospeso anche l’obbligo di comunicazione di un’eventuale attività lavorativa da parte di uno o più componenti del nucleo familiare, stante che il termine riprenderà a decorrere al termine del periodo indicato dal decreto (a meno che non intervengano nuove misure di proroga).

A chiarire quanto appena evidenziato è la stessa Inps, che ha fatto il punto della situazione attraverso uno specifico messaggio sul tema, prendendo quindi in considerazione le misure attuate dal governo a seguito della diffusione di Covid-19.

TI POTREBBE INTERESSARE: Bonus 600 euro, già pagate 2,5 milioni di richieste: la conferma dell’Inps con un sms