Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS

Pensioni, Schirò (PD) chiede di evitare disservizi sul pagamento degli assegni all’estero

Sul pagamento delle pensioni per chi risiede al di fuori dell’Italia arriva il monito della parlamentare Dem, ma dall’Inps giungono rassicurazioni.

All’interno di una nota diffusa dalla parlamentare Angela Schirò (PD) arriva un nuovo monito rispetto al regolare pagamento delle pensioni all’estero. Secondo l’esponente Dem, “non dovrebbero subire ritardi, nonostante il fatto che una buona parte dei dipendenti dell’Istituto, sia a livello centrale che periferico, stia lavorando da casa a causa dell’emergenza Coronavirus”.

Il riferimento va all’obbligo di ricorre allo smart working per tutti quei dipendenti pubblici (e quindi anche per il personale dell’ente pubblico di previdenza), scattato a seguito delle misure resesi necessarie dopo lo sviluppo della grave emergenza sanitaria e del rischio di contagio per via del Covid-19.

L’On. Schirò spiega quindi che “a causa dei possibili disservizi postali in tutto il mondo, coloro i quali hanno scelto di riscuotere il rateo pensionistico tramite assegno postale (e che rappresentano poco meno del 10% dei pensionati all’estero) potrebbero avere problemi nella riscossione della pensione, a seconda ovviamente della funzionalità del sistema postale del Paese ove risiedono. Mi attiverò per monitorare la situazione”.

TI POTREBBE INTERESSARE: Buoni spesa per 400 milioni in tagli da 25 euro per l’emergenza Coronavirus: ecco come funzioneranno

Pensioni all’estero: pagamenti con spedizione dell’assegno in via di eliminazione

Stante la situazione, l’Inps ricorda che il pagamento delle pensioni all’estero può avvenire con accredito su conto corrente bancario o allo sportello nel Paese di residenza, oppure anche in Italia con accredito su conto corrente bancario. Si tratta di modalità preferibili alle altre per la praticità e l’efficienza nella ricezione dei pagamenti.

In alcuni casi l’Inps può provvedere anche all’emissione e spedizione di un assegno di deposito non trasferibile, ma la pratica risulta in fase di eliminazione. Attualmente, i pagamenti sono eseguiti mensilmente, con l’eccezione delle pensioni di importo ridotto, che vengono pagate semestralmente o annualmente.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensione anticipata e bonus figli: ecco le agevolazioni previste dalla legge