Autore: Stefano Calicchio

INPS

Pensioni, Poste Italiane sottoscrive una convenzione con i Carabinieri per la consegna dell’assegno a domicilio

Un nuovo accordo di collaborazione tra Poste Italiane e l’Arma dei Carabinieri garantirà la consegna delle pensioni a casa per 23mila pensionati ultra75enni. Ecco i dettagli dell’iniziativa.

Continuano a moltiplicarsi le iniziative attuate da Poste Italiane al fine di ridurre il rischio di contagio da Coronavirus. All’interno di questa premessa va letto anche l’ultimo accordo siglato tra il gruppo e l’Arma dei Carabinieri, attraverso il quale si garantisce la possibilità di ricevere la propria pensione a casa per coloro che possiedono un’età uguale o superiore ai 75 anni.

La platea di riferimento è ovviamente limitata agli anziani che ritirano normalmente la pensione in contanti presso il proprio ufficio postale. In casi come questi sarà possibile richiedere che la somma venga portata a domicilio da parte dei Carabinieri, delegando all’Arma il relativo ritiro presso l’Ufficio Postale.

Come funziona il servizio di ritiro della pensione tramite i Carabinieri

Bisogna innanzitutto evidenziare che restano esclusi dal servizio tutti i pensionati che hanno già provveduto a delegare una terza persona per il ritiro della pensione. Oltre a ciò, risultano esclusi per ovvi motivi anche coloro che hanno scelto l’accredito presso un conto oppure un libretto postale. Infine, non è possibile fare ricorso al servizio qualora si conviva con un familiare o comunque con un dimorante nella vicinanza della propria abitazione.

Sulla base dell’accordo di convenzione, sarà comunque garantito il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro tra le persone coinvolte durante tutto il procedimento, oltre alle altre norme previste per la tutela della salute. L’obiettivo è infatti non solo quello di aiutare gli anziani particolarmente deboli nel ritiro dell’assegno pensionistico, ma anche di tutelarli da eventuali truffe, rapine o scippi.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, i dati Inps sulle prestazioni cura Italia: 3,49 milioni di domande, smentita bufala bonus studenti

Come richiedere l’attivazione del servizio

Al fine di attivare il servizio e richiedere il ritiro della propria pensione presso l’Ufficio Postale di riferimento, il pensionato potrà chiamare il numero verde 800556670. In alternativa, è anche possibile mettersi in contatto con la Stazione dei Carabinieri più vicina, la quale fornirà tutte le informazioni utili per procedere.

Sia Poste Italiane che l’Arma dei Carabinieri hanno fatto sapere di essere disponibili a garantire la prosecuzione del servizio fintantoché non sarà terminata l’emergenza dovuta alla diffusione del Coronavirus, con l’obiettivo di dare un sostegno alle persone più fragili e confermare la propria vocazione di prossimità verso il territorio di riferimento.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, scadenza finestra APE sociale e quota 41 estesa al 1° giugno 2020