Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS

21
Mar 2020

Pensioni, pagamenti anticipati dal 26/3: coinvolti 850mila pensionati

Le pensioni di aprile, maggio e giugno 2020 arriveranno in anticipo per centinaia di migliaia di persone, al fine di scaglionare i pagamenti ed evitare assembramenti per via del Coronavirus.

Dall’Inps emergono nuovi dettagli in merito allo scaglionamento dei pagamenti delle pensioni di aprile maggio e giugno 2020. L’ente ha infatti applicato la decisione dell’esecutivo pensata per evitare gli assembramenti, così da tutelare gli anziani, gli invalidi e gli altri titolari di trattamenti (considerati particolarmente a rischio) che ricevono la propria pensione in contanti dal rischio di contagio del Coronavirus.

L’ordinanza della presidenza del Consiglio è stata emanata lo scorso 19 marzo e prevede lo scaglionamento dei pagamenti per il prossimo trimestre. In particolare, gli assegni verranno corrisposti dal giorno 26 al 31 del mese di marzo, dal giorno 27 al 30 di aprile e dal giorno 26 al 30 maggio 2020.

Gli interessati sono tutti coloro che ricevono l’assegno previdenziale presso le Poste, ma che non hanno il postamat o il conto corrente postale (che consente quindi l’utilizzo delle carte elettroniche per i prelievi ed il pagamento).

TI POTREBBE INTERESSARE: Decreto Cura Italia: Inps pronta a tutte le misure, no al click day

Pensioni pagate in anticipo: gli scaglioni sono organizzati in base al cognome

Per quanto concerne il calendario dei pagamenti, il calendario stabilito dall’Inps per il mese di marzo prevede che il giorno 26/03 saranno corrisposti gli assegni per i cognomi che iniziano per A e B, il giorno 27/03 sarà il momento delle lettere C e D, il giorno 3/8 marzo per le lettere che vanno dalla E alla K, il 30 marzo dalla L alla O, il 31 marzo dalla P alla R ed il 1° aprile dalla S alla Z.

Per i due successivi mesi (aprile e maggio) Poste Italiane adotterà una modalità similare di pagamento, che verrà comunicata per tempo in modo da permettere alle persone di organizzarsi. Le ultime stime indicano che il provvedimento coinvolgerà una platea non inferiore a 850mila persone.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni: sospesi i controlli sugli assegni all’estero per via del Coronavirus