Pensioni novità: firmati i decreti attuativi per l’Ape Social

Novità sul fronte pensioni con l’arrivo ufficiale dei decreti attuativi dell’Ape senza costi aggiuntivi. Ecco le ultime news sull’Ape social, cosa cambia e da quando sarà operativa la riforma delle pensioni.

Le novità per le pensioni arrivano con la firma, da parte di Gentiloni, del decreto attuativo che renderà operativa la riforma delle pensioni. Il decreto firmato dal Presidente del consiglio riguarda l’Ape social, ossia la modalità con cui si potrà andare in pensione in anticipo, ma senza dover pagare i contributi aggiuntivi che sono previsti per l’Ape volontaria.

L’anticipo pensionistico a costo zero è stato ideato per alcune categorie di persone che rientrano in parametri ben precisi. La novità giunge dopo tanta attesa, dal momento che la riforma pensioni è stata ideata ormai da mesi, ma dei decreti che la rendessero attuativa si erano perse tutte le tracce.
Il governo ha infatti allungato molto i tempi e le novità sull’Ape social sono arrivate con qualche mese di ritardo.

A dare la notizia dell’arrivo della firma di Gentiloni sul decreto attuativo per l’Ape social è proprio il sito del governo. Vediamo quindi che cosa avviene adesso, quali sono le novità e soprattutto cosa cambia con l’arrivo della firma del decreto.
Tutte le novità sull’Ape social le potete leggere di seguito e scoprire le ultime news per la riforma delle pensioni.

Pensioni novità, arriva la firma per i decreti attuativi: ecco l’Ape social

L’approvazione delle linee guida dell’Ape social doveva arrivare entro il 1° marzo, ma la situazione è stata ben diversa, dal momento che la firma è arrivata solo dopo Pasqua.
Il governo ha infatti fatto attendere a lungo i migliaia di lavoratori che vorrebbero usufruire dell’uscita dal lavoro anticipata.

La questione è inoltre solo all’inizio, dal momento che ad essere stato firmato è solo il decreto per l’Ape social, mentre mancano ancora all’appello tutti gli altri decreti che renderanno norma le novità per la riforma pensioni.
Per il momento ad essere stati firmati sono i decreti attuativi dell’Ape social, mentre per gli altri si dovrà ancora attendere.

Anche per i decreti in questione però non sono state rese note le linee guida che permetteranno di inviare la domanda. Il decreto attuativo per diventare applicabile infatti deve ancora superare ben due approvazioni: quella del Consiglio di Stato e poi quello della Corte dei Conti.
Solo dopo che il decreto per l’Ape social avrà ottenuto l’approvazione presso questi due enti si potrà ritenere possibile da applicare.

Non entrerà quindi in in vigore dal 1° maggio 2017, come invece affermato in altre occasioni, dal momento che il tempo stringe e mancano ancora troppi passaggi. Quali saranno quindi i criteri per accedere all’Ape social? Proviamo a capire quali potrebbero essere nell’attesa della pubblicazione del decreto attuativo.

Pensioni novità: requisiti per accedere all’Ape social

L’Ape social è ben diversa dall’Ape volontaria, dal momento che in questo caso a farsi carico della spesa per l’uscita anticipata è lo Stato. Ovviamente però si devono avere dei requisiti particolari, senza i quali non è possibile accedervi, per il momento i parametri sembrano essere:

  • 63 anni d’età;
  • avere almeno 30 anni di contributi;
  • aver svolto lavori usuranti per 6 anni con 12 anni di franchigia (quindi un anno di disoccupazione è tollerato);
  • importo massimo dell’assegno pensionistico di 1.500€.

Potranno accedere all’Ape social anche lavoratori che assistono familiari di primo grado invalidi, lavoratori invalidi (almeno al 74%) o lavoratori con 36 mesi di servizio in attività gravose e 36 anni di contributi.

Per il momento nulla è però chiaro, dato che non sono stati resi noti i criteri inseriti nei decreti attuativi, ma si attende che a breve si potranno avere tutte le novità sulla questione.