Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS - Ammortizzatori sociali

3
Lug

Pensioni, ecco cosa fare se la quattordicesima non arriva

Con la pensione di luglio l’Inps ha erogato la quattordicesima mensilità in favore di coloro che hanno maturato i requisiti di legge. Il beneficio di welfare non richiede l’invio di una domanda: cosa fare se non arriva.

La quattordicesima è una mensilità aggiuntiva fortemente voluta dai sindacati e decisa dal legislatore per fornire un sostegno utile ai pensionati che hanno un reddito contenuto entro due volte la minima Inps e che allo stesso tempo hanno maturato almeno 64 anni di età. Con il provvedimento vengono erogate fino a 655 euro insieme alla pensione ordinaria corrispondente al mese di luglio.

È da notare che per ricevere la 14ma il pensionato non deve inoltrare all’Inps nessuna domanda, perché sarà lo stesso ente previdenziale a verificare la presenza delle condizioni di percezione e quindi a effettuare i calcoli di rito per l’accredito del beneficio. In particolare, il riferimento andrà ai dati presenti all’interno del casellario centrale dei pensionati, oltre a quanto effettivamente dichiarato in precedenza.

Pensioni e 14ma mensilità: ecco a chi spetta

Entrando nel merito dei requisiti previsti dalla legge, la quattordicesima mensilità spetta ai pensionati con almeno 64 anni di età e un reddito fino a due volte il trattamento minimo. Viene riconosciuta a tutti gli iscritti all’Ago o alle forme sostitutive, pertanto rientrano coloro che hanno una pensione di vecchiaia o ex anzianità, una nuova pensione anticipata, una pensione di invalidità ordinaria e inabilità o una pensione ai superstiti.

Non viene invece erogata per chi percepisce una pensione di invalidità civile. Allo stesso modo, non viene versata in relazione alle pensioni sociali e alle rendite inali, così come alle pensioni di guerra. In questi ultimi casi, non sarà quindi presente alcun accredito assieme alla pensione di luglio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Cassa Integrazione Inps, ecco come funzionano l’anticipo Inps del 40% e la scadenza del 3 luglio 2020

Quattordicesima non pagata: serve la domanda di ricostituzione

Nel caso in cui non venga pagata la quattordicesima mensilità pur avendone maturato il diritto, è necessario rivolgersi all’Inps tramite una domanda di ricostituzione. Quest’ultima può essere inviata accedendo al servizio “ricostituzione reddituale per quattordicesima”, presente all’interno della propria area riservata Inps.

Per completare il procedimento è necessario disporre delle proprie credenziali Inps (codice fiscale e Pin, oppure un altro dei metodi validi di accesso come Spid, Cie o CNS). L’ente provvederà a effettuare le verifiche di rito e quindi a eseguire il pagamento nel caso in cui la domanda venga effettivamente accolta. In alternativa, è possibile rivolgersi al proprio patronato di fiducia, che compilerà la richiesta inviandola all’Inps per conto del pensionato.

TI POTREBBE INTERESSARE: Bonus Vacanze 2020 per Covid da 500 euro al via oggi: ecco come funziona, ma poche strutture lo accettano