Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS

Pensioni, contributi volontari Inps 2020: ecco gli importi per il nuovo anno

L’ente previdenziale ha aggiornato gli importi dei contributi volontari per il 2020 con la circolare n. 33. Ecco tutto quello che c’è da sapere al riguardo.

L’Inps ha recentemente diffuso nuovi aggiornamenti in merito al versamento dei contributi volontari per l’anno in corso per quanto concerne i lavoratori dipendenti non agricoli, gli autonomi e gli iscritti alla gestione separata. Nella pratica, l’ente previdenziale ha comunicato attraverso la circolare 33/2020 gli adeguamenti dovuti in base alla variazione annuale registrata dall’indice ISTAT e quindi ai prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Gli importi dei contributi volontari per i lavoratori dipendenti non agricoli

In merito ai lavoratori dipendenti non agricoli, l’Inps ha spiegato che qualora l’autorizzazione alla prosecuzione volontaria sia avvenuta dopo il 31 dicembre 1995 l’aliquota risulta uguale al 33%, mentre in caso di precedente autorizzazione si applica il 27,87%. Il versamento minimo richiesto al riguardo corrisponde a 3538,91 euro ed è indispensabile per poter far valere un anno intero di contribuzione.

La retribuzione minima settimanale corrisponde invece a 206,23 euro per 52 settimane. Chi è stato autorizzato prima del 1995 è tenuto a versare 2988,77 euro per poter beneficiare di un’anzianità corrispondente ad un anno. Nel caso in cui la retribuzione complessiva nel 2020 superi i 47379 euro viene applicata un’ulteriore aliquota dell’1%, mentre la retribuzione massima (oltre la quale non si applicano aliquota contributive) per chi risulta inserito nel sistema contributivo puro è fissata a 103055 euro l’anno.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate e quota 100: il punto sulla convenienza dell’acquisizione del diritto

I contributi volontari 2020 per gli artigiani ed i commercianti

Per quanto concerne la categoria dei lavoratori autonomi, dei commercianti e degli artigiani i versamenti vengono calcolati con riferimento al reddito prodotto nei precedenti 36 mesi. Le aliquote corrispondono al 24% per gli artigiani titolari ed i collaboratori con un’età superiore a 21 anni ed al 21,90% per gli stessi con un’età inferiore a 21 anni. Infine, si applica il 24,09% per i commercianti titolari e collaboratori di età superiore a 21 anni ed il 21,99% per gli stessi con un’età inferiore ai 21 anni.

I versamenti volontari della gestione separata Inps per il 2020

Concludiamo con il minimale previsto per coloro che si trovano ad effettuare versamenti volontari all’interno della gestione separata. Quest’ultimo corrisponde ad un lordo di 15953 euro, sul quale viene applicata l’aliquota del 25% per i professionisti che risultano sprovvisti di un’autonoma cassa previdenziale e del 33% per i collaboratori a progetto o per le altre figure equiparabili.

Ne consegue che l’importo dei versamenti per il 2020 al fine di garantirsi un anno di anzianità corrisponde a 3988,32 euro per i professionisti ed a 5264,52 euro per i lavoratori parasubordinati e per tutti gli altri iscritti alla gestione separata.

TI POTREBBE INTERESSARE: Certificazione Unica 2020, nuova comunicazione dall’Inps: ecco le modalità di rilascio alternative