Netflix: cancellata anche Girlboss

La serie tv Girlboss è la terza ad essere cancellata da Netflix, dopo The Get Down e Sense8. Cosa sta succedendo?

Netflix ha provveduto a cancellare anche la serie tv Girlboss, dopo l’addio a The Get Down e Sense8. La decisione è stata presa per via delle poco incoraggianti recensioni che hanno seguito la messa in onda, avvenuta il 21 aprile 2017.
Dopo nemmeno due mesi di programmazione sulla piattaforma, la serie è stata cancellata, complice gli ascolti anche molto bassi. Netflix elimina il programma con una sola stagione a carico, da 13 episodi.

Leggi anche Sense8: la sua cancellazione da Netlfix

Addio Girlboss

Sophia Amoruso è diventata piuttosto conosciuta grazie all’uscita della sua autobiografia #Girlboss e dell’omonima serie tv. La founder ed ex CEO del sito Nastygal ha voluto condividere con le follower del blog, la sua ascesa nel mondo degli affari, ma anche i lati negativi e difficili che questo mondo implica.


Sebbene abbia collaborato alla realizzazione del telefilm, Sophia confessa su Instagram di sentirsi sollevata sapendo della cancellazione da parte di Netflix di Girlboss:

era una buono show ed è stato un privilegio lavorare con persone così di talento, ma vivere la mia vita come una caricatura è stato difficile, anche se solo per due mesi.

Nel telefilm il ritratto è quello di una ragazza creativa ma anche egocentrica e incontrollabile, che alla Sophia della vita reale non è andato poi così giù. Il progetto di una serie tv sulla sua vita, accompagnata da un’autobiografia pensata come piccola guida al successo, avevano dato a Sophia Amoruso le migliori intenzioni per poter raccontare gli anni più belli e difficili della sua vita nel mondo dell’imprenditoria online, prima che si concludesse nel 2016 con l’esperienza della bancarotta.

Sarebbe bello poter raccontare un giorno la storia di cosa è successo negli ultimi anni. Ho imparato che la gente legge il titolo, non la correzione.

Girlboss serie tv

Creata da Kay Cannon per Netflix, Girlboss si basa sull’autobiografia omonima di Sophia Amoruso, l’imprenditrice ed ex proprietaria del sito online di acquisti NastyGal. La serie racconta la vita dell’Amoruso prima di diventare una donna di affari e di successo.

Sophia Marlowe, interpretata dall’attrice Britt Robertson (Tomorrowland-Il mondo di domani, Scream 4) è una ragazza fuori dagli schemi e piuttosto ribelle. Vive a San Francisco dove svolge una serie di lavoretti prima di capire la sua vera vocazione: la vendita di capi vintage. Basta infatti un’asta online su eBay per farle aprire il suo negozio online di moda a soli 23 anni, che la porterà a diventare un’inaspettata imprenditrice.

Potrebbe interessarti anche Imprenditoria femminile: le agevolazioni fiscali