Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

Legge 104 e decreto Cura Italia: permessi retribuiti di 12 giorni

Con l’approvazione del decreto “Cura Italia” emerge la possibilità di fruire di ulteriori permessi retribuiti di 12 giorni con la legge 104: ecco quando spettano e come funzionano.

Dal decreto “Cura Italia” recentemente approvato con il Consiglio dei Ministri del 16 marzo 2020 arrivano importanti aggiornamenti anche in favore di quei lavoratori che usufruiscono della cosiddetta legge 104. Il riferimento va in particolare a quei soggetti che fanno ricorso alla normativa secondo la quale ai lavoratori gravemente disabili, con figli gravemente disabili o che assistono un familiare gravemente disabile è concessa la fruizione di permessi retribuiti fino a tre giorni al mese.

Quest’ultimi risultano anche frazionabili ulteriormente in ore in base al tipo di contratto di lavoro e alla modalità di impiego part time o full time. Rispetto a tale situazione, il decreto “Cura Italia” aggiunge importanti tutele a partire dallo sviluppo della crisi sanitaria ed economica del Coronavirus e per i prossimi due mesi.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, nel decreto ‘Cura Italia’ sono previste 9 settimane di Cig per tutti

Legge 104 e permessi retribuiti: ecco cosa cambia con il DL “Cura Italia”

Attraverso il decreto legge “Cura Italia” si prevede che il numero dei giorni di permesso mensile retribuito coperto dalla contribuzione figurativa per i permessi della legge 104 è incrementato di ulteriori 12 giorni complessivi sia per quanto concerne il mese di marzo che quello di aprile 2020. La misura viene garantita con coperture di 553,5 milioni di euro per l’anno 2020.

I permessi per la legge 104 spettano ai lavoratori dipendenti pubblici e privati con grave disabilità, oppure ai genitori di lavoratori dipendenti con figli in situazione di disabilità grave. Risultano fruibili anche da genitori, coniugi o parenti e affini entro il secondo grado. Restano esclusi i lavoratori a domicilio, gli addetti ai lavori domestici e familiari, i lavoratori agricoli a tempo determinato ed occupati a giornata oltre ai lavoratori autonomi e parasubordinati.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, la Fabi chiede di andare in banca solo se risulta necessario