Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

Inps Bonus 600 euro al via domani 1° aprile 2020: domanda possibile anche tramite richiesta di Pin semplificato

A partire dal 1° aprile 2020 sarà possibile richiedere all’Inps il Bonus 600 euro per autonomi, partite Iva, co.co.co. e lavoratori con contratti stagionali del settore termale, turismo, agricolo o dello spettacolo.

Partirà domani 1° aprile 2020 il bonus pensato dal governo per contrastare la grave crisi sanitaria ed economica scoppiata con la diffusione del Coronavirus. L’emergenza ha di fatto bloccato non solo tutte le attività produttive e quelle del commercio, ma ha anche generato gravi difficoltà nella prosecuzione dell’attività lavorativa a tutte le persone che svolgono un lavoro autonomo o precario.

Per cercare di offrire un sostegno a questa platea, i decreti legge che si sono susseguiti negli ultimi giorni hanno previsto tutele crescenti. Tra queste è stato avviato anche un bonus da 600 euro con carattere una tantum (ma che si protrae fino al termine dell’emergenza), destinato a lavoratori autonomi e professionisti iscritti all’Inps, oltre che a persone impiegate con contratti stagionali, agricoli, turistici e del mondo dello spettacolo.

Il prolungamento dell’emergenza ha fatto sì che si parla di un possibile rinnovo dell’erogazione del bonus, che con buona probabilità potrebbe essere previsto anche per il mese di aprile. Chiarimenti arriveranno certamente nelle prossime settimane, quando si concretizzerà anche un nuovo decreto contenente ulteriori misure d’aiuto.

TI POTREBBE INTERESSARE: Enpam presenta un esposto sul Coronavirus contro i legali che istigano cause sui medici

Bonus 600 euro: domande a partire dal 1° aprile

Come evidenziato anche in precedenza, la data chiave da tenere a mente in relazione al bonus da 600 euro è quella del prossimo 1° aprile 2020. Per presentare la propria domanda sarà necessario inoltrare la pratica tramite il sito dell’Inps, il contact center o il proprio patronato di fiducia.

Al fine di agevolare il percorso di invio della modulistica, l’Inps ha messo a disposizione anche un PIN semplificato che può essere richiesto qualora non si risulti già in possesso dei codici operativi (PIN dispositivo, CNS, SPID o CIE 3.0).

La richiesta del PIN semplificato snellisce la procedura normalmente necessaria per poter ottenere il codice, di fatto inviandone uno già pronto all’utilizzo tramite sms (ma utilizzabile solo per le pratiche legate agli ultimi decreti). In alternativa, l’Inps sta mettendo a punto anche un meccanismo di riconoscimento a distanza in grado di assegnare un Pin dispositivo tramite il contact center, escludendo quindi la necessità di recarsi presso una sede fisica dell’ente.

Ti POTREBBE INTERESSARE: Numero Verde Inps 803164: così si accede ai bonus e alle misure del decreto Cura Italia