Autore: Stefano Calicchio

Incidente sul lavoro

Enpam presenta un esposto sul Coronavirus contro i legali che istigano cause sui medici

Dall’Enpam si concretizza un esposto urgente all’Antitrust sugli studi legali che istigano all’avvio di cause contro i medici durante l’emergenza del Coronavirus.

“Cominciano a spuntare avvoltoi e iene che pensano di sfruttare il dolore delle vittime” del Coronavirus. Ad affermarlo è il Presidente dell’Enpam Alberto Oliveti, dopo che l’ente ha presentato un esposto con carattere di urgenza presso l’Antitrust per via di una campagna promozionale volta ad indurre i cittadini a presentare denunce e azioni di risarcimento contro i medici. Tutto ciò, proprio mentre il personale medico si trova a far fronte al momento peggiore della grave emergenza sanitaria dettata dal Coronavirus.

Secondo quanto evidenziato dall’Ente, “anche a prescindere da ogni pur doverosa valutazione etica su questi annunci e su certi soggetti, è evidente che il fenomeno può ingenerare ulteriore timore e ansia in tutti i medici che già stanno facendo ogni sforzo con l’impegno massimo e la concentrazione assoluta sull’assistenza e la cura”.

TI POTREBBE INTERESSARE: Numero Verde Inps 803164: così si accede ai bonus e alle misure del decreto Cura Italia

L’Enpam ricorda che il personale sanitario è in prima linea contro l’emergenza Covid-19

Stante la situazione appena evidenziata, il Presidente dell’Enpam pone l’accento su un dato di fatto: nella fase attuale il personale medico e tutti i lavoratori del settore mettono a rischio la proprio stessa salute (e quella delle persone care) pur di restare “in prima linea nel combattere contro l’epidemia”.

A tal proposito, si ricordano gli enormi sacrifici fatti, i turni massacranti e gli sforzi volti a salvare vite umane nelle diverse mansioni. Tutto ciò, spesso senza “mezzi idonei, mentre si è in lotta contro una malattia su cui la scienza ancora non ha certezze circa cause e rimedi”.

All’interno dell’esposto si legge quindi di un’operazione commerciale volta ad un’attività di “vero sciacallaggio”, evidenziando il carattere scorretto e ingannevole del messaggio. In aggiunta a ciò, l’Enpam sottolinea anche che procederà con ogni altra attività utile a tutelare i propri iscritti in sede civile e penale, oltre che verso qualsiasi ulteriore abuso perpetrato contro la categoria.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni Inps, al via una verifica semplificata a partire dal prossimo 10 aprile