Autore: Stefano Calicchio

Disoccupazione - INPS - Cassa integrazione - Ammortizzatori sociali

Coronavirus, Nunzia Catalfo (MdL): “congedo mamme e papà da 12 ai 15 giorni”

La Ministra Catalfo conferma le indiscrezioni riguardanti i provvedimenti di sostegno alle famiglie. Il Consiglio dei Ministri è pronto a varare le nuove misure, tra cui figurano congedi parentali, bonus baby sitter e indennizzi.

Dal Ministero del Lavoro emergono nuove prese di posizione in merito ai provvedimenti che saranno presi nel breve termine per sostenere le imprese, i lavoratori e le famiglie nel far fronte al difficile momento dettato dall’emergenza Coronavirus. D’altra parte, i risvolti dei vincoli alla mobilità si sono fatti sentire per le loro forti implicazioni.

In tal senso, la Ministra Nunzia Catalfo ha spiegato a Radio Anch’io di avere in preparazione diversi provvedimenti, tra cui voucher per baby sitter, congedi parentali speciali, indennizzi per i lavoratori con partita iva e cassa integrazione straordinaria.

Il congedo speciale allo studio presso il Ministero del Lavoro

Il pacchetto di misure prevede in particolare di sostenere le famiglie che si trovano a dover gestire il lavoro di cura dei bambini a casa, vista la chiusura delle scuole. “Stiamo elaborando un congedo parentale speciale” spiega l’esponente del governo, specificando che “dovrebbe durare dai 12 ai 15 giorni”.

Il provvedimento dovrebbe essere destinato in particolare alle mamme o ai papà (essendo utilizzabile in alternativa, ma solo per uno dei due genitori alla volta) per tutti i bambini che hanno compiuto almeno 12 anni, oppure senza alcun limite anagrafico nel caso in cui siano presenti figli con delle gravi disabilità.

Una seconda misura di sostegno ai genitori, utilizzabile in alternativa, prevede invece l’assegnazione di un voucher baby sitter, “che dovrebbe essere di 600 euro”. Questi provvedimenti sono pensati per consentire al massimo l’utilizzo dello smart working, in modo da rallentare il contagio ed evitare il diffondersi di Covid-19.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, Catalfo (MdL): allo studio voucher speciale babysitter da 600 euro

Le tutele in corso di preparazione per i lavoratori

Stante la situazione appena descritta, il pacchetto di provvedimenti in corso di preparazione punta a garantire maggiori tutele ai lavoratori in un momento oggettivamente difficile per il Paese e nel quale preoccupano le prospettive per il futuro. L’obiettivo è di “tutelare tutti i lavoratori, perché nessuno deve rimanere senza lavoro e tutti devono essere tutelati”, ha spiegato Nunzia Catalfo.

In questo senso sono allo studio anche alternative alla cassa integrazione ordinaria, che sarà modificata in modo tale da risultare efficace rispetto alle particolari esigenze del momento. Oltre a ciò, si pensa di garantire maggiori risorse al fondo di integrazione salariale, che potrà essere utilizzato anche in aziende con 5 -15 dipendenti.

Infine, per i titolari di partita iva ed i lavoratori autonomi è allo studio un particolare indennizzo, che possa supportarli in questo particolare e delicato commento. Allo stesso modo, si consentirà alle casse professionali di garantire adeguate misure di sostegno e welfare in favore dei liberi professionisti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, contributi volontari Inps 2020: ecco gli importi per il nuovo anno