Autore: Stefano Calicchio

Cassa integrazione - Ammortizzatori sociali

17
Mar 2020

Coronavirus, nel decreto ‘Cura Italia’ sono previste 9 settimane di Cig per tutti

Nella giornata di ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo DL all’interno del quale sono previste importanti novità per la Cig in deroga al fine di sostenere i lavoratori colpiti dall’emergenza sanitaria.

Il governo corre ai ripari in merito alla crisi economica sorta dopo lo scoppio dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus e vara un ampio pacchetto di interventi volti a sostenere i redditi dei lavoratori ed a garantire che nessuno possa perdere il proprio impiego. In tal senso, all’interno del decreto “cura Italia” approvato nella giornata di ieri sono previste misure importanti per la cassa integrazione in deroga.

L’esecutivo ha infatti deciso di estendere il provvedimento a tutti i settori produttivi, così da costituire importanti tutele in favore di ogni lavoratore. Questo significa che lo strumento sarà disponibile anche in favore delle aziende che possiedono meno di 5 dipendenti e che riducono fortemente o sospendono la propria attività in virtù dell’emergenza.

La nuova cassa integrazione straordinaria durerà fino a 9 settimane

Per quanto concerne le tempistiche, la nuova cassa integrazione in deroga dovuta alla diffusione di Covid-19 avrà un’estensione massima corrispondente a 9 settimane. Ulteriori interventi saranno valutati verificando in che modo evolverà la situazione. Una simile possibilità verrà estesa anche ai lavoratori dipendenti che risultano iscritti al cosiddetto Fondo di integrazione salariale.

Con la cassa integrazione in deroga ai lavoratori spetta un’indennità corrispondente all’80% della retribuzione, comprensiva di eventuali ratei di mensilità aggiuntive che il lavoratore avrebbe percepito durante le ore di lavoro non prestate, con il limite delle 40 ore settimanali. Oltre a ciò, l’importo dell’assegno non può risultare maggiore del limite mensile che viene stabilito di anno in anno.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, la Fabi chiede di andare in banca solo se risulta necessario

La domanda di cassa integrazione in deroga

La richiesta di fruizione della cassa integrazione in deroga deve essere presentata all’Inps entro 20 giorni dalla data in cui ha avuto inizio la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro. La pratica deve risultare completa di tutta la documentazione necessaria e deve essere inviata all’Inps attraverso i servizi web o il contact center (posta la chiusura momentanea degli sportelli fisici).

Al lavoratore resta l’obbligo di partecipare alle politiche attive previste sul territorio dal Centro per l’impiego, ivi compresi eventuali corsi di aggiornamento, formazione o riqualificazione che potranno essere svolti anche online o attraverso modalità telematiche.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, ecco chi può accedere all’opzione donna dai 58-59 anni nel 2020