Autore: Stefano Calicchio

Lavoro

Coronavirus, la Fabi chiede di andare in banca solo se risulta necessario

Dal sindacato dei bancari arriva l’invito a recarsi presso gli istituti di credito solo nel caso in cui risulti strettamente necessario per via dell’emergenza sanitaria in corso.

Arriva un nuovo appello dalla Fabi rispetto all’emergenza sanitaria ed alla necessità di mettere in atto tutte le azioni utili per contrastare la diffusione del Coronavirus. La sigla dei bancari ha infatti espresso un forte appello alla cittadinanza attraverso il proprio sito ed i canali presenti sul social network per invitare i clienti dei principali istituti di credito ad evitare di recarsi presso le filiali qualora non risulti estremamente necessario.

All’interno dell’appello si chiede quindi la collaborazione di tutti al fine di limitare i contagi, ricorrendo al bancomat o all’internet banking per espletare le operazioni necessarie per la propria quotidianità. L’obiettivo è di evitare l’assembramento fisico allo sportello.

Coronavirus e Fabi, rilanciati gli hashtag #blocchiamoilvirus e #iostoacasa

Con l’occasione la Fabi ha quindi rilanciato i due hashtag della campagna social già avviata all’inizio dell’epidemia, ovvero #blocchiamoilvirus e #iostoacasa. Il sindacato ha anche prodotto un volantino in formato digitale all’interno del quale ha ricordato che i bancari “saranno pronti ad accogliere i clienti in filiale quando l’emergenza sarà finita”.

In giornata si renderà noto anche l’esito di un nuovo incontro organizzato tra i Segretari generali di tutte le sigle sindacali del settore bancario e l’Abi, al fine di valutare nuove azioni da attuare in banca per la tutela dei lavoratori. Il tutto integrando anche le disposizioni in arrivo dal nuovo decreto legge in arrivo dalla Presidenza del Consiglio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, ecco chi può accedere all’opzione donna dai 58-59 anni nel 2020

Coronavirus e nuovo decreto legge: le implicazioni secondo i rappresentanti dei lavoratori del settore bancario

A tal proposito, sulla pagina Facebook della Fabi è stato reso disponibile un elenco contenente le istruzioni implementate da ogni singolo Istituto Bancario al fine di tutelare la salute dei lavoratori e dei clienti.

“A seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante misure urgenti per il contenimento e la gestione epidemiologica da COVID-19, gli istituti di crediti e i sindacati hanno provveduto ad un aggiornamento delle precedenti disposizioni al fine di tutelare personale e clientela e arginare il diffondersi del virus”. Tutto ciò, “in attesa della riunione di oggi sindacati-Abi”.

La Fabi ricorda quindi che “la ratio del DPCM è la limitazione massima degli spostamenti ad eccezione di necessità familiari indifferibili o comprovate esigenze lavorative che, secondo i sindacati, certamente non possono assimilarsi ad attività lavorativa ordinaria”. Per questo motivo, sulla pagina Facebook del sindacato è possibile reperire tutte le informazioni aggiornate sugli orari di apertura degli sportelli e sulle modalità di accesso alle filiali.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus e lavoro, ecco gli aiuti allo studio: verso 9 settimane di Cig per tutti