Bonus mobili 2021, si allarga la platea dei beneficiari: ecco le ultime novità

Bonus mobili 2021, si allarga la platea dei beneficiari: ecco le ultime novità

Il bonus mobili 2021, a favore di chi ha sostenuto spese di ristrutturazione di immobili dal 1° gennaio 2020, spetta anche a chi ha usufruito del sismabonus e del superbonus.

Tra le tante agevolazioni messe a disposizione dello Stato troviamo quella del bonus mobili. Il bonus mobili è una misura ideata a favore di chi effettua l’acquisto di mobili o elettrodomestici. Secondo quanto specificato sul portale ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, con il bonus mobili, è possibile usufruire di una detrazione Irpef pari al 50% per l’acquisto di mobili d’arredo e grandi elettrodomestici con una classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga) destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Nel testo viene, dunque, specificato che il bonus può essere richiesto da chi ha effettuato un intervento di ristrutturazione edilizia a partire dal 1° gennaio 2020 ma spetterà anche a chi ha sostenuto spese di ristrutturazione e per l’acquisto di mobili o elettrodomestici nell’anno 2021. La detrazione viene ripartita, tra i beneficiari, in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro. Invece, per il 2021, l’ammontare della spesa su cui calcolare la detrazione sale a 16.000 euro.

Da ricordare che la detrazione è prevista anche per gli acquisti effettuati con finanziamenti a rate, a condizione che l’agenzia o la società finanziaria eroghi i corrispettivi del finanziamento con le stesse modalità di pagamento previste per usufruire della detrazione, quali: pagamenti con bonifico, carta di credito o debito mentre non sono previsti i pagamenti effettuati tramite assegno bancario, contanti o altri metodi di pagamento. Inoltre gli aventi diritto che effettuano il finanziamento a rate devono conservare una copia della ricevuta di pagamento e della fattura di acquisto dei beni che riporta la natura, qualità e quantità del bene acquistato.

Bonus mobili: a chi spetta e quali novità per il 2021

Come è stato accennato poc’anzi, il bonus mobili può essere richiesto da coloro che hanno sostenuto spese di ristrutturazione a partire dal primo gennaio 2020: tuttavia può essere richiesto anche per altre specifiche circostanze. Secondo quanto riportato da SkyTg24, il governo ha chiarito alcuni punti per quanto riguarda i beneficiari del bonus mobili. In particolare, il bonus spetta anche ai contribuenti che usufruiscono del sismabonus e del superbonus per le spese di ristrutturazione sostenute dal primo luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021.

Bonus mobili: quali beni rientrano?

Come già spiegato, il bonus è una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di beni quali mobili ed elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Nello specifico, rientrano tra i beni agevolati: letti, armadi, librerie, cassettiere, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e oggetti di illuminazione che costituiscono un complemento necessario per l’arredo dell’immobile in ristrutturazione.

Mentre per quanto riguarda l’acquisto di grandi elettrodomestici, la norma prevede che rientrano nel beneficio soltanto determinate categorie di elettrodomestici dotati di classe energetica A+ o superiore (se nella tipologia di elettrodomestico è prevista l’etichetta energetica obbligatoria). Rientrano nel beneficio: frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, apparecchi di cottura, forni elettrici e forni a microonde, apparecchi di riscaldamento e condizionamento, stufe elettriche e ventilatori.