Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

14
Apr

Bonus 600 euro, primi accrediti sul conto corrente dal 15 al 17 aprile 2020

Secondo le ultime dichiarazioni della Ministra del Lavoro Catalfo il governo sta studiando un nuovo bonus da 800 euro, mentre per le fasce più deboli ci sarà il reddito di emergenza.

Continuano ad arrivare nuovi aggiornamenti in merito alle tutele di welfare in corso di attuazione da parte del governo. A parlare nelle ultime ore è stata la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, evidenziando i nuovi obiettivi da attuare nelle prossime settimane. In particolare, il riferimento va proprio all’estensione del bonus in favore dei lavoratori autonomi e dei precari, oltre che all’avvio di un vero e proprio reddito di emergenza.

“Questi sono obiettivi che porteremo a termine” spiega la Ministra Catalfo, evidenziano che “in questa crisi, l’ho detto e lo ribadisco, nessun lavoratore e nessun cittadino deve rimanere indietro”. A tal proposito, sono attualmente in corso i primi pagamenti relativi alle domande già inoltrate per il bonus da 600 euro, per il quale si contano già 4,5 milioni di pratiche.

Bonus da 600 euro: partito il primo milione di pagamenti

Rispetto al provvedimento, l’Inps ha cominciato a liquidare un milione di domande, pertanto risultano già in pagamento tali pratiche. Al momento sarebbero quindi in via di ricezione dell’accredito gli intestatari dei conti correnti relativi ai primi due giorni di invio delle richieste, ovvero l’1 ed il 2 aprile 2020.

Mediamente, l’Inps starebbe impiegando circa 15 giorni per l’erogazione delle somme, anche grazie alla collaborazione del settore bancario. Risale a pochi giorni fa il nuovo accordo quadro siglato tra Inps e Abi, grazie al quale è stato possibile velocizzare i pagamenti relativi alle prestazioni in corso di approvazione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Bonus 600 euro professionisti: ecco la modifica che blocca tutto, in 400mila costretti a rifare o integrare la domanda

Il nuovo decreto in lavorazione potrebbe innalzare il bonus a 800 euro

Nel frattempo l’esecutivo prosegue nella definizione dei nuovi sussidi di welfare. Allo studio vi sarebbero i provvedimenti da inserire all’interno del decreto di aprile, con il quale prenderanno forma ulteriori salvaguardie volte a contrastare le conseguenze economiche dell’epidemia sanitaria dovuta al Coronavirus.

Al centro della discussione vi sarebbe anche il nuovo bonus da 800 euro che andrà a sostituire quello da 600 euro relativo al mese di marzo. L’indennità dovrebbe continuare ad essere erogata in favore di autonomi e professionisti sprovvisti di altre tutele di legge.

Allo stesso tempo, dovrebbe concretizzarsi anche il nuovo reddito di emergenza, dedicato alle fasce più deboli della popolazione. “Stiamo lavorando al prossimo decreto, che in termini di risorse sarà più consistente rispetto a quello di marzo” ha spiegato a tal proposito la Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, mostrando piena consapevolezza della situazione. “Sappiamo che siamo chiamati a fare ancora di più e meglio e non intendiamo tirarci indietro”.

TI POTREBBE INTERESSARE: Bonus 600 euro anche per chi percepisce una pensione di invalidità