Autore: Stefano Calicchio

INPS

Bonus 600 euro e sito Inps in tilt: 100 domande al secondo, Tridico: ‘cosa mai vista, ma i sistemi stanno reggendo’

Il Presidente Inps Pasquale Tridico sottolinea l’ingente numero di richieste in arrivo sul portale dell’ente per il bonus da 600 euro. “Intasamenti inevitabili con questi numeri”.

Arrivano nuovi commenti dal Presidente Inps Pasquale Tridico in merito all’invio delle richieste di accesso al nuovo bonus da 600 euro per tutti i lavoratori che rientrano nel perimetro della misura. Secondo quanto evidenziato dall’economista, l’ente avrebbe già ricevuto a partire dall’una di notte oltre 300mila domande regolari, tanto da mandare il sito in tilt nella mattinata di oggi.

Durante l’arco della mattina il portale web continua a ricevere circa 100 domande di fruizione del bonus ogni secondo. Un dato impressionante, che Tridico commenta come qualcosa di “mai visto sui sistemi Inps”. I quali però “stanno reggendo, sebbene gli intasamenti siano inevitabili con questi numeri”.

TI POTREBBE INTERESSARE: Inps Bonus 600 euro al via domani 1° aprile 2020: domanda possibile anche tramite richiesta di Pin semplificato

Bonus Inps da 600 euro: non c’è fretta per l’invio delle domande

Rispetto al fenomeno appena evidenziato, il Presidente dell’Istituto pubblico di previdenza tiene comunque a sottolineare che non c’è motivo di avere fretta per l’invio delle pratiche, visto che “le domande possono essere fatte per tutto il periodo della crisi”.

Al riguardo, nelle scorse ore si era già sottolineata l’assenza di un click day, pertanto l’accettazione non dipenderà dall’ordine cronologico di invio delle richieste. Un motivo in più per non intasare i servizi telematici del portale dell’istituto pubblico di previdenza, rendendone di fatto difficoltoso l’utilizzo per tutti.

Otre a ciò, l’esecutivo ha allo studio ulteriori provvedimenti, che serviranno anche per rifinanziare le attuali misure di welfare (garantendone quindi il buon fine), oltre che per introdurne delle altre. Per capire se le rassicurazioni saranno sufficienti a frenare la grande ondata di richieste d’accesso al sito dell’Inps bisognerà però attendere le prossime ore.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il sito Inps funziona a singhiozzo: troppe richieste di accesso per il Bonus 600 Euro, ma non c’è un click day