Autore: Stefano Calicchio

Lavoro - Contratto di lavoro - Opportunità di lavoro

Test professioni sanitarie 2020 per l’ammissione ai corsi di laurea magistrale: prova rinviata per coronavirus

La prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale per le professioni sanitarie slitta al prossimo marzo 2021 per via delle conseguenze dettate dalla diffusione di Covid-19: disponibili 3mila posti su circa 13mila candidati potenziali.

Arrivano importanti aggiornamenti riguardo al test di ammissione relativo alla laurea magistrale per le professioni sanitarie, fissato per il prossimo 30 ottobre 2020. Il Ministro dell’università Gaetano Manfredi ha infatti confermato tramite l’emanazione di un apposito decreto lo slittamento della prova al mese di marzo 2021. La nuova data resta quindi ancora da fissare, sebbene il termine ultimo appare al momento confermato.

Il riferimento resta comunque l’acceso al percorso di studio di secondo livello dedicato alle professioni sanitarie per l’anno accademico 2020-21. Gli atenei universitari si attiveranno per organizzare (sulla base della propria autonomia gestionale) le nuove modalità di esecuzione delle prove di accesso, assicurando al contempo il recupero di tutte le attività formative e lo svolgimento dei relativi esami di profitto riguardanti il primo semestre di studi per gli studenti che riusciranno a entrare in graduatoria.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, ecco quando non spetta la tredicesima mensilità

Test di ammissione per le lauree magistrale: ecco perché è stato rimandato

Dal punto di vista pratico, le motivazioni che hanno portato allo slittamento del test sono di diverso ordine, ma riconducibili perlopiù all’aggravamento della situazione dovuta alla diffusione di covid-19 da coronavirus e quindi alle inevitabili necessità di ridurre i rischi da contagio. L’aggravamento avvenute nelle ultime ore della pandemia attualmente in corso ha infatti creato delle problematiche organizzative per gli atenei tali da rendere difficile lo svolgimento in sicurezza delle prove di valutazione.

Il rischio di aumentare i contagi ha quindi portato alla decisione di far slittare le prove di verifica, che a questo punto prenderanno luogo il prossimo anno. Resta comunque garantito l’avvio dei percorsi formativi una volta che la situazione generale permetterà la prosecuzione delle attività. Numerosi sono i percorsi di laurea magistrali che risultano coinvolti nel rinvio.

I test che risultano oggetto del decreto di slittamento riguardano in particolare i corsi di scienze infermieristiche e ostetriche, di scienze delle professioni sanitarie e riabilitazione, di tecniche diagnostiche, assistenziali e di scienze delle professioni sanitarie delle prevenzione. Complessivamente, i posti a disposizione era circa 3mila, rispetto ad una platea di potenziali studenti corrispondente a 13mila persone. Essendo i test fissati al prossimo 30 ottobre 2020, la decisione è stata presa a sole 48 ore dalla data di esecuzione delle prove.

TI POTREBBE INTERESSARE: Reddito di cittadinanza e pagamento di ottobre 2020: ecco le date di accredito