Autore: B.A

Università

Tasse universitarie, iscrizione gratis: nuova esenzione, sconti, limiti no tax area

Ecco l’elenco di tutti gli sconti e le esenzioni oggi vigenti in materia di tasse universitarie.

Iscrizione alle Università gratis? Da adesso è possibile perché un nuovo decreto del MIUR ha alzato la cosiddetta no tax area che di fatto permette a determinati nuclei familiari, di evitare il pagamento delle tasse universitarie per i propri figli. Il decreto è stato firmato dal ministro Gaetano Manfredi.

Università gratis fino a 20.000 euro di Isee

Il nuovo decreto del MIUR introduce una no tax area fino a 20mila euro di Isee. In parole povere, gli studenti di famiglie con Isee al di sotto di 20.000 euro, avranno di fatto l’accesso gratuito alle Università statali. Una notevole possibilità questa, perché occorre ricordare che il precedente limite della no tax area era fissato a 13.000 euro.

Con il nuovo decreto del Ministero dell’Università e Ricerca, viene estesa l’esenzione completa dal contributo annuale per le iscrizioni alle Università statali. «Le Università statali provvedono, con riferimento alle iscrizioni ai corsi di laurea e di laurea magistrale, per l’anno accademico 2020/2021 all’esonero totale dal contributo onnicomprensivo annuale degli studenti che appartengono a un nucleo familiare il cui indicatore della situazione economica equivalente (Isee), sia non superiore a 20.000 euro», questo il testo del provvedimento che è stato pubblicato sul sito del MIUR, dopo il canonico passaggio alla Corte dei Conti.

Tasse universitarie, sconti 80%, a chi si rivolgono?

Oltre agli esenti al 100%, il nuovo decreto prevede sconti e tagli anche a chi ha indicatori Isee più elevati. Infatti per chi ha redditi Isee fino a 30mila euro viene prevista una riduzione percentuale degli importi da pagare come tasse di iscrizione. E si tratta di sconti ingenti, che possono arrivare anche a coprire l’80% del totale da pagare.

Quindi, se fino a 20.000 euro di Isee le tasse universitarie non si pagano proprio, per chi ha redditi Isee sopra 20.000 e fino a 30.000 euro, ha la possibilità di ottenere una riduzione. Sconti inversamente proporzionali all’indicatore della situazione economica equivalente, che saranno dal 10% all’80%. Quindi, più l’Isee si avvicina alla soglia dei 30.000 euro, meno sconto si ha.

Sempre dal testo del provvedimento si legge che: “Gli Atenei provvedono ad incrementare l’entità dell’esonero parziale dal contributo onnicomprensivo annuale degli studenti che appartengono a un nucleo familiare con Isee superiore a 20.000 euro e non superiore a 30.000 euro, graduando in misura decrescente la percentuale di riduzione rispetto all’importo massimo del predetto contributo”.

Entrando nel dettaglio della norma, gli sconti previsti saranno:

  • 80% di sconto per famiglie con Isee sopra 20.000 e fino a 22.000 euro;
  • 50% di sconto per chi ha Isee sopra 22.000 e fino a 24.000 euro;
  • 30% di sconto per chi ha Isee sopra 24.000 e fino a 26.000 euro;
  • 20% di sconto per Isee sopra 26.000 e fino a 28.000 euro;
  • 10% di sconto per Isee sopra 28.000 e fino a 30.000 euro.