Superbonus 110%: la Legge di Bilancio 2021 ha prorogato la scadenza dell’agevolazione

Superbonus 110%: la Legge di Bilancio 2021 ha prorogato la scadenza dell'agevolazione

Grazie alla Legge di Bilancio 2021, si sono allungati i tempi per poter fruire del Superbonus 110% per coprire le spese sostenute per effettuare i lavori concessi dall’agevolazione.

Il Superbonus 110% è uno dei bonus casa più richiesti e apprezzati dai cittadini italiani in quanto permette di coprire la totalità delle spese avute per effettuare un gran numero di lavori nella propria abitazione.

La Legge di Bilancio 2021 ha prorogato i termini entro cui è possibile fruire dell’agevolazione economica promossa dal Governo. La data entro cui poter sfruttare il bonus in questione dipende dal tipo di abitazione in cui si desidera effettuare gli interventi. Vediamo nello specifico quali sono le nuove scadenze previste dalla Manovra 2021.

Le proroghe concesse al Superbonus 110%

Le proroghe previste dalla Legge di Bilancio 2021 cambiano a seconda dell’edificio cui sono svolti gli interventi. Si potrà ottenere il Superbonus 110% fino al 30 giugno 2022 per i lavori che riguardano edifici unifamiliari o plurifamiliari composti da varie unità immobiliari che funzionano in modo indipendente e hanno un accesso autonomo. Si tratta di una proroga di sei mesi rispetto alla scadenza iniziale che sarebbe dovuta essere a dicembre 2021.

Per quanto riguarda i condomini privati, una proroga aveva concesso di poter fruire del Superbonus 110% fin al 30 giugno 2022. La data in questione è però stata nuovamente prorogata e coloro che a fine giugno 2021 hanno svolto almeno il 60% dei lavori, potranno sfruttare la ulteriore proroga che porta la data di scadenza in avanti di sei mesi. I condomini avranno quindi in questo caso la possibilità di fruire del bonus fino al 31 dicembre 2022.

Gli immobili IACP, ovvero quelli di proprietà degli Istituti Autonomi Case Popolari, avranno a disposizione ancora più tempo. La scadenza iniziale era fissata al 30 giugno 2022, ma una nuova proroga l’aveva fatta arrivare al 31 dicembre 2022.

Un’ulteriore proroga ha concesso però a questa specifica tipologia di immobili di fruire dell’agevolazione entro il 30 giugno 2023 nel caso in cui entro fine dicembre 2022 siano stati eseguiti almeno il 60% dei lavori.

Ricordiamo che in tutti i casi i lavori potevano iniziare dall’1 luglio 2020 e solo quelli iniziati da tale data potranno garantire l’accesso al Superbonus 110%. Le spese sostenute nel corso dell’anno 2021 potranno essere detratte attraverso cinque quote annuali tutte di pari importo.

Quelle che verranno sostenute nel corso dell’anno 2022 porteranno invece un beneficio che verrà usato in quattro quote annuali di pari importo. Per quanto concerne nello specifico gli immobili IACP, le cose cambiano ancora perché la detrazione in quattro quote varrà per le spese avute a partire dal 1° luglio 2022 fino alla scadenza del periodo.

Nel caso in cui si preferisca, è possibile anche sfruttare il bonus in modo diverso rispetto alla classica detrazione fiscale nella dichiarazione dei redditi. Si può infatti scegliere in alternativa lo sconto in fattura oppure anche la cessione di credito.