Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Lavoro

Stipendi in Italia: ecco le regioni e le province dove si guadagna di più

Gli stipendi in Italia variano anche di molto a seconda delle regioni e delle province prese in considerazione. Scopriamo insieme la classifica 2020.

Nell’ultimo anno gli effetti dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19 sono stati molto importanti a livello economico, infatti sono state numerose le realtà imprenditoriali più o meno grandi ad essere messe a dura prova. Per comprendere quali sono le regioni e le province italiane che hanno mantenuto stipendi elevati nonostante i problemi, è possibile osservare la classifica deli stipendi 2020 che mostra in quali zone dell’Italia si guadagna di più.

Classifica degli stipendi in Italia nel 2020

Come ogni anno, anche per il 2020 JobPricing ha stilato una classifica aggiornata utile per comprendere dove si guadagna di più e dove si guadagna di meno. La classifica, fornita con l’aiuto dell’Osservatorio Geography Index 2020, mostra informazioni chiare sugli stipendi di tutte le regioni e le province della nostra nazione.

Questo quadro sugli stipendi arriva a conclusione di un anno complesso per molte aziende e per molti lavoratori che, per colpa della pandemia, hanno dovuto affrontare gravi problemi dal punto di vista economico. Vediamo nel dettaglio quali sono le informazioni che la classifica ci fornice.

Le classifiche sono state ottenute tenendo in considerazione la Retribuzione Globale Annua Lorda (RAL) che si ottiene sommando la Retribuzione fissa Annua Lorda (RAL) con la Retribuzione Variabile percepita dai lavoratori. Per ottenere un quadro realmente ordinato e preciso, si è tenuto conto della composizione di dirigenti, quadri, impiegati e operai all’interno di ogni singola provincia basandosi sui Dati Trimestrali sulla Forza Lavoro.

Dove si guadagna di più?

Osservando la classifica degli stipendi 2020 si comprende che la regione in cui si guadagna di più è il Trentino Alto-Adige, seguita dalla Lombardia e dal Lazio. Per quanto invece concerne le province, quella in cui gli stipendi sono maggiori risulta essere quella di Milano.

In generale, nel 2020 c’è stato un calo della retribuzione globale annua (RGA) pari ad 1,8%. Si tratta ovviamente di un dato estremamente negativo per i lavoratori, ma è comprensibile alla luce del difficile anno che abbiamo tutti vissuto a causa della pandemia che ha portato non solo problemi dal punto di vista sanitario, ma anche dal punto di vista economico.

Classifica degli stipendi: le regioni

Vediamo nel dettaglio come si sono piazzate tutte le regioni italiane all’interno della classifica degli stipendi in cui sono indicati anche i rispettivi valori RGA (retribuzione globale annua).

  • Trentino Alto Adige - 32.954 euro
  • Lombardia - 32.539 euro
  • Lazio - 31.391 euro
  • Liguria - 31.317 euro
  • Emilia Romagna - 30.773 euro
  • Friuli Venezia Giulia - 30.546 euro
  • Piemonte - 30.307 euro
  • Veneto - 29.891 euro
  • Valle d’Aosta - 29.839 euro
  • Toscana - 29.091 euro
  • Marche - 28.415 euro
  • Abruzzo - 27.903 euro
  • Campania - 27.697 euro
  • Umbria - 27.245 euro
  • Puglia - 27.239 euro
  • Sicilia - 27.072 euro
  • Molise - 26.617 euro
  • Sardegna - 26.480 euro
  • Calabria - 25.549 euro
  • Basilicata - 25.168 euro

Classifica degli stipendi: le prime 10 province

Vediamo nel dettaglio anche quali sono le 10 province italiane in cui i lavoratori hanno la fortuna di guadagnare di più.

  • Milano - 35.597 euro
  • Bolzano - 33.602 euro
  • Trieste - 33.513
  • Genova - 32.493 euro
  • Bologna - 32.242 euro
  • Roma - 32.224 euro
  • Parma - 31.871 euro
  • Monza Brianza - 31.625
  • Varese - 31.586
  • Piacenza - 31.446 euro

Fanalino di coda della classifica è la provincia di Crotone che risulta quindi essere quella in cui si guadagna di meno in assoluto in Italia.