Santo del giorno, 10 giugno: Beata Diana degli Andalò

Oggi, 10 giugno, ricorre Beata Diana degli Andalò: scopriamo i dettagli sul santo del giorno e scopriamo l’onomastico e gli altri santi celebrati.

Il Santo del giorno è una ricorrenza importante per chi non può consultare il calendario, ma ci tiene a rimanere comunque aggiornato sulle date e le tappe della Chiesa: oggi, 10 giugno, ricorre Beata Diana degli Andalò.

Diversamente da quanto si può pensare, non esiste una Santa Diana che vale da onomastico a chi porta questo nome, e quindi usualmente si festeggia oggi, 10 giugno, proprio in concomitanza di Beata Diana.

Tuttavia, non è l’unico santo del giorno: infatti oggi ricorrono anche Santa Faustina di Cizico, San Massimo d’Aveia e tanti altri.

Nonostante le poche notizie storiche e agiografiche, scopriamo tutto sulla religiosa bolognese di famiglia nobile che visse nel Duecento.

Santo del giorno, 10 giugno: Beata Diana degli Andalò

Diana degli Andalò nacque a Bologna nel 1201 dalla nobile famiglia che prendeva il nome dal padre, Andrea Lovello, soprannominato Andalò.
Come accennato sopra, non ci sono state tramandate molte informazioni sulla sua gioventù, e sull’infanzia.

La tradizione vuole che fosse bella, allegra e intelligente, e che sin da giovane avesse voluto intraprendere una strada religiosa. Nel 1219 si unì ai domenicani accolta con favore proprio da Domenico di Guzman, ma la famiglia la richiamò a casa.

Lo stesso accadde nel 1221 quando si unì alle monache agostiniane dell’Eremo di Ronzano: anche stavolta i familiari glielo impedirono, arrivando a rapirla; sembra che proprio lo stesso Domenico le inviò delle lettere per consolarla, ma sono andate poi perdute. Diana fu così determinata che scappò e riuscì a tornare a Ronzano, dove rimase fino al giugno 1223.

Il beato Giordano di Sassonia convinse la famiglia di Diana che l’unico modo per averla vicino era quello di fondare un convento, e così accadde con il monastero di sant’Agnese di Bologna, su un terreno di proprietà degli Andalò. Lì Diana passò il resto della sua vita divenendo superiora, con altre monache oggi venerate come beate come Cecilia e Amata di Bologna.

Morì proprio a Bologna, il 9 gennaio 1236 e venne beatificata da papa Leone XIII, l’8 agosto 1888. Nell’iconografia viene raffigurata come una domenicana che tiene in mano dei gigli e una rappresentazione del suo monastero. Nonostante la sua ricorrenza sia il 10 giugno, viene ricordata anche l’8 e il 9.

Gli altri santi del giorno, 10 giugno

Oltre a Beata Diana degli Andalò, oggi ricorrono anche San Bogumilo di Gnesno, Vescovo eremita; San Censurio di Auxerre, Vescovo; Beato Edoardo Poppe, Sacerdote; Beato Enrico da Bolzano, Laico; Santa Faustina di Cizico, Martire; Beato Giovanni Dominici, Domenicano; Sant’Itamaro, Vescovo; San Landerico di Parigi, Vescovo; San Massimo d’Aveia, Martire; Beati Tommaso Green e Gualtiero Pierson
Martiri certosini.