Rinnovo CCNL metalmeccanici: soddisfatti i sindacati, aumenti di salario in arrivo

Fumata bianca per il nuovo contratto dei lavoratori metalmeccanici e la UILM manifesta soddisfazione.

Dopo un lungo periodo di attesa finalmente è arrivata la fumata bianca sul nuovo contratto dei lavoratori metalmeccanici. Un rinnovo del contratto che oltre agli aumenti salariali prevede una vera e profonda riforma relativa all’inquadramento professionale dei dipendenti. Da 10 livelli si passa a nove e sparisce il primo. È di venerdì sera l’intesa sopraggiunta dopo una intera settimana di trattative coi sindacati.

La questione del rinnovo del contratto, scaduto ormai nel 2019 era in stallo e soprattutto sugli aumenti di salario si era arrivati allo stallo sulle richieste dei sindacati che chiedevano aumenti dei minimi tabellari di oltre 140 euro a lavoratore, aumenti considerati insostenibili dalle imprese. Uno stallo che è stato alla base dello sciopero dello scorso 5 novembre per esempio. Adesso la tanto agognata intesa, con i sindacati che si sono detti soddisfatti.

Nuovo CCNL, i commenti dalla UILM del Lario

“E’ un importante traguardo in un momento difficile”, questo il commento a caldo da parte della UILM del Lario in base alle parole espresse da Igor Gianoncelli. Tanti i punti nuovi del CCNL, dal lavoro agile alla formazione, da una riforma dell’inquadramento all’aumento stipendiale. Gli aumenti salariali ammontano a 100 euro per i lavoratori di terzo livello, 107 euro per quelli di quarto livello e 112 euro per quelli di quinto livello.

“Alla fine, il tanto impegno ha pagato. Realizziamo l’importante traguardo del rinnovo contrattuale, centrando l’obiettivo delle tre cifre in campo economico e rafforzando e innovando sensibilmente la parte normativa. Cambiamo l’inquadramento professionale che era immobile dal 1973”, questo ciò che ha ribadito un soddisfatto Gianoncelli. Tra le altre cose, anche i bonus flessibili (flexible benefit) già presenti nel Contratto Collettivo scaduto nel 2019 vengono confermati e sempre in 200 euro.

Soddisfazione piena da parte della UILM

“È il nostro messaggio di fiducia e speranza ai lavoratori metalmeccanici, che dal rinnovo del Ccnl si aspettavano dignità e risposte. Abbiamo costruito un risultato apprezzabile, che valorizza e tutela il settore. Ci sono state discussioni complesse ed impegnative, così come momenti di difficoltà. Ma poi ci sono state le necessarie mediazioni, che ci hanno consentito di raggiungere un traguardo positivo e bene sottolinearlo tutt’altro che scontato”, così Gianoncelli sottolinea le difficoltà nell’arrivare alla sintesi e all’intesa su questo tanto atteso rinnovo del contratto.

E sempre dalla UILM anche il segretario Enrico Azzaro ha voluto confermare la soddisfazione di tutti. “La chiusura di un contatto nazionale è sempre una buona notizia. Chiudere un contratto nel momento peggiore per l’economia e in piena emergenza sanitaria è un’ottima notizia. Il nostro Paese ha le potenzialità per riprendersi da questa situazione perché ha imprese, uomini e donne di eccellenza e qualità nel manifatturiero”, così Azzaro, che ha sottolineato anche lui che non erta affatto scontata l’intesa, soprattutto visto il delicato momento dell’economia mondiale e italiana vessata dal Covid.