Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS - Ammortizzatori sociali

Riforma pensioni, Pedretti (Cgil) su tavolo governo - sindacati: ‘modificare radicalmente la legge Fornero’

Il Segretario Nazionale Spi - Cgil fa il punto della situazione rispetto al confronto di oggi 27 gennaio 2020 con il Ministro del Lavoro ed ai prossimi passi da compiere.

Emergono le prime reazioni dal tavolo di confronto tra governo e sindacati tenutosi nella mattinata di oggi. Il Segretario generale Spi - Cgil Ivan Pedretti ha fatto il punto della situazione evidenziando alcuni punti chiave rispetto all’esito del confronto. Secondo quanto riportato su Facebook dal sindacalista, quello di oggi è stato “un primo e positivo incontro al Ministero del Lavoro sulle pensioni”.

Pedretti ricorda che lo scopo era quello di “modificare radicalmente la legge Fornero, di costruire una pensione di garanzia per i giovani e di affrontare le tante questioni che riguardano i pensionati italiani”. A tal proposito l’esponente della Cgil ha evidenziato anche i nodi delle rivalutazioni, della quattordicesima mensilità e dell’abbattimento delle tasse.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, Damiano propone l’uscita dai 63 anni o con la quota 41 per tutti

Riforma pensioni, ancora sul tavolo la legge quadro sulla non autosufficienza

Tra i nodi da sciogliere Pedretti ha infine ricordato la necessità di arrivare alla “definizione di una legge quadro nazionale sulla non autosufficienza, che chiediamo da tempo e di cui non possiamo più fare a meno”. La questione è quindi sul tavolo e attende risposte concrete.

Infine, rispetto alle prossime incombenze ed ai passi da compiere è stato “definito un fitto calendario di incontri e il primo che ci riguarda si terrà il 7 febbraio”. Rispetto al quadro generale è stato “cominciato un lavoro che non sarà breve, ma che vogliamo ci porti a dei risultati importanti per le persone che rappresentiamo”, ha quindi concluso il sindacalista.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate Quota 100 e prestito TFR: i tempi si allungano ancora, il CdS rinvia la decisione