Autore: Giacomo Mazzarella

reddito

Rem: requisiti, tempi e modi per ottenere il reddito di emergenza

Nuova circolare Inps sul reddito di emergenza, la misura varata dal governo nel decreto Rilancio.

Il Reddito di emergenza è una misura che può essere richiesta da molti cittadini che sono in condizioni reddituali tali da avere bisogno di un sostegno.

La misura nasce proprio per questo motivo, per aiutare quanti non hanno avuto sostegno né dal decreto Cura Italia ne dalle altre misure del decreto Rilancio, che è il contenitore dove c’è il reddito di emergenza. La misura può essere già richiesta e l’Inps ha prodotto la tanto attesa circolare che spiega tempi e modi per richiedere il Rem.

Rem, circolare Inps

Modi, tempi e requisiti per accedere al Rem sono l’oggetto della recente circolare Inps, La n. 69 del 3 giugno 2020. Con la circolare, l’Inps illustra i requisiti di accesso al Reddito di emergenza la misura di sostegno al reddito delle famiglie in difficoltà economica a causa del Covid-19, nata come dicevamo nel decreto Rilancio (decreto n.34/2020).

Nella circolare pubblicata sul sito dell’istituto, nell’area «Inps comunica», viene sottolineato che il Rem può essere richiesto esclusivamente online, entro il 30 giugno 2020. E proprio sul sito Inps che è aperta la procedura con cui gli interessati possono richiedere il bonus.

Come richiedere reddito di emergenza

La domanda può essere presentata da soli tramite le credenziali dell’Istituto, cioè tramite il pin dispositivo. Sempre col fai da te, ci di può autenticare alla procedura con lo Spid, la Cns o la Cie. Si tratta di Sistema pubblico di identità digitale, Carta nazionale dei servizi e Carta d’identità elettronica. Oppure ci si può rivolgere a Patronati e soggetti autorizzati.

Requisiti reddito di emergenza

Il richiedente deve essere cittadino italiano, cittadino comunitario o extracomunitario con permesso di soggiorno di lunga durata. Il richiedente deve essere residente in Italia al momento in cui presenta la domanda. Inoltre occorre che il nucleo familiare interessato deve avere un reddito inferiore, nel mese di aprile 2020, alla soglia corrispondente all’ammontare del beneficio, un valore del patrimonio mobiliare con riferimento all’anno 2019 inferiore a 10.000 euro e un valore Isee inferiore a 15.000 euro.

Il Reddito di emergenza viene erogato con bonifico sul conto corrente del richiedente, se lo stesso indica l’iban in sede di presentazione della domanda. Il Rem dura due mesi, a partire dalla data di presentazione della domanda.

Per accedere al reddito di emergenza è necessario, in base a quello che dice l’Inps, che al momento della presentazione della domanda, il richiedente riesca ad allegare anche una Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) valida. Più che allegare, è necessario che la Dsu che serve per richiedere l’Isee, sia in corso di validità, cioè presentata nel 2020. Sembra infatti che dai dati di queste prime giornate di presentazione delle domande, la Dsu risulta spesso assente o addirittura scaduta al pari del corrispettivo Isee.