Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS - Ammortizzatori sociali

Reddito e pensioni di cittadinanza: pagamento e informazioni chiave da sapere

Con la fine del mese di luglio sono partite le nuove ricariche del reddito e delle pensioni di cittadinanza: ecco tutto quello che c’è da sapere su date e modalità di pagamento.

A partire dallo scorso 27 luglio 2020 sono iniziati i primi pagamenti relativi al reddito e alle pensioni di cittadinanza per quanto concerne il rateo maturato nel mese precedente. Non tutti hanno però ricevuto l’accredito e questo può avvenire per diversi motivi, mentre i beneficiari che hanno già visto concretizzarsi il flusso dovranno fare attenzione a spendere tutta la cifra effettivamente ricevuta entro il prossimo 31 agosto 2020.

Ma procediamo con ordine e partiamo innanzitutto dai pagamenti per coloro che avevano già in corso il beneficio di welfare. In questo caso, l’accredito deve essere avvenuto tra il 27 e il 31/7. Qualora non si fosse ancora ricevuto l’assegno di cittadinanza, è opportuno effettuare una prima verifica attraverso i servizi offerti dall’Inps al link serviziweb2.inps.it.

In alternativa, è possibile contattare anche l’apposito numero verde dedicato al reddito e alle pensioni di cittadinanza, telefonando al numero 800,666.888.Tra i motivi più frequenti per il blocco dei pagamenti vi è la mancata presentazione del modello Isee corrente o il mancato aggiornamento di variazioni della propria situazione rispetto ai criteri di accesso.

Il pagamento del reddito di cittadinanza per chi ha richiesto il sussidio nel mese di luglio 2018

È importante ricordare che il pagamento del reddito di cittadinanza avviene negli ultimi giorni del mese solo per i beneficiari che hanno già il sussidio in corso da diverso tempo. Per coloro che hanno fatto richiesta e hanno ottenuto il via libera alla pratica a luglio, l’effettiva ricarica viene eseguita contestualmente con la consegna della card presso l’ufficio postale di riferimento.

Le pratiche approvate durante il mese di luglio vedranno quindi effettuare l’accredito direttamente sulla postepay al momento della consegna, che avverrà attorno alla metà di agosto 2020.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni: in LdB2021 si punta alla proroga di APE sociale e opzione donna

Reddito di cittadinanza e decurtazione dell’importo: attenzione al possibile taglio

A partire dal mese di agosto 2020 il Ministero del Lavoro ha previsto l’applicazione di una decurtazione del 20% sull’importo erogato in relazione al reddito di cittadinanza per quei beneficiari che non dovessero spendere tutta la cifra effettivamente erogata attraverso la ricarica.

Per il calcolo utile a valutare la decurtazione viene preso come riferimento il saldo della carta di cittadinanza dell’ultimo giorno del mese. Questo viene quindi confrontato con la cifra erogata nel nuovo mese. L’eventuale differenza viene sottratta, con un limite del 20% dell’importo interamente riconosciuto in favore del nucleo familiare. Per questo motivo, è fondamentale spendere entro il mese in corso tutta la ricarica ricevuta.

TI POTREBBE INTERESSARE: https://www.ultimora.news/Pensioni-quota-100-confermata-fino-al-2021-si-continua-a-uscire-dal-lavoro-dai-62-anni-con-almeno-38-anni-di-contributi