Reddito di emergenza novembre e dicembre, domanda in scadenza

Reddito di emergenza novembre e dicembre, domanda in scadenza

Mancano pochi giorni allo stop alle domande per le nuove mensilità del Rem

Il decreto Ristori ha introdotto due nuove mensilità per il reddito di emergenza. Due mesi in più di sussidio, nello specifico novembre e dicembre. Per poterlo percepire però, anche se non per tutti, serve la domanda. L’Inps ha emanato la circolare esplicativa con tutte le info utili per chi è chiamato ad adempiere. E il tempo inizia a stringere perché le domande scadono il 30 novembre.

Reddito di emergenza novembre e dicembre

Da qualche giorno l’Inps ha emanato le istruzioni relative alle nuove mensilità del Reddito di emergenza. Istruzioni naturalmente relative alle domande da presentare, che per qualcuno sono assolutamente necessarie per percepire le ultime due mensilità appena introdotte. Entro il 30 novembre prossimo chi non ha mai presentato domanda per le prime tre mensilità dovrà presentarla adesso.

Serve il documento di riconoscimento in fotocopia ed una Dsu in corso di validità. Infatti è necessario avere un Isee in corso di validità e sotto le soglie previste dalla normativa del Reddito di emergenza.

L’obbligo di presentare domanda è anche per chi ha presentato domanda per le prime due mensilità previste dal decreto Rilancio, ma non lo ha fatto per la mensilità del decreto Agosto. In questo caso la domanda va presentata lo stesso.

Per tutti gli altri, cioè per chi ha preso tutte e tre le precedenti mensilità o per chi ha percepito solo la terza, dopo aver presentato domanda a seguito della proroga del Dl Agosto, le due nuove mensilità arriveranno tutte in automatico, sul conto corrente indicato nelle precedenti tranche del sussidio o tramite bonifico domiciliato bancario.

Reddito di emergenza, i requisiti

Va ricordato che per poter ottenere il Reddito di emergenza occorre che il richiedente abbia la residenza effettiva in Italia. Inoltre deve avere un reddito familiare relativo al mese di settembre, inferiore all’importo mensile del beneficio spettante che è pari a 400 euro per i single, 800 euro per le famiglie con due o più componenti e 840 euro se all’interno ci sono situazioni di disabilità accertate.

L’Isee della famiglia del richiedente deve essere inferire alla soglia dei 15.000 euro. Per quanto concerne il patrimonio mobiliare, cioè quello finanziario, occorre che la famiglia del richiedente non superi 10.000 euro. Questo limite è sale di 5.000 euro per ogni componente in più dopo il dichiarante, fino al tetto massimo di 20.000 euro (fino a 25.000 euro se nel nucleo familiare c’è un disabile).

Dal punto di vista dei beneficiari, occorre ricordare che possono avere accesso al benefit coloro i quali non hanno percepito o non hanno percepito alcun aiuto dalle tante misure di sostegno per famiglie e lavoratori introdotte dai vari decreti emergenziali del governo.
Per chi deve inoltrare domanda per ricevere le mensilità di novembre e dicembre, i canali possibili restano i soliti e cioè tramite il sito internet dell’Inps con Pin dispositivo, Spid, Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità Elettronica, o in alternativa con l’ausilio di Caf e Patronati.