Autore: B.A

Reddito di cittadinanza

24
Feb 2020

Reddito di cittadinanza, pagamento di febbraio, quando arriva?

Quando i beneficiari del reddito di cittadinanza riceveranno la card con i soldi? ecco le date ufficiali.

Reddito di cittadinanza e pagamento di febbraio sarà regolare o c’è qualche sorpresa? Una domanda comune a molti beneficiari del sussidio, soprattutto perchè i primi mesi dell’anno sono quelli relativi al rinnovo dell’Isee. La risposta sul pagamento del mese di febbraio è differente da soggetto a soggetto, perché c’è chi dovrà attendere per ricevere la nuova ricarica della sua card gialla.

Pagamento reddito di cittadinanza febbraio

Saranno Inps e Poste Italiane come prassi, a stilare il calendario dei pagamenti per il reddito di cittadinanza anche per il corrente mese di febbraio. Il calendario dei pagamenti sarà stilato in base alla presentazione della domanda del sussidio. Il giorno utile a partire dal quale i soggetti beneficiari del sussidio inizieranno a ricevere le ricariche sarà come consuetudine il 27 del mese. Ma lo riceveranno solo coloro che hanno presentato la domanda da marzo 2019 a gennaio 2020- In pratica, tutti quelli che sono in corso di fruizione del sussidio. Come consuetudine l’Inps specifica che le ricariche saranno effettuate tra il 27 ed il 29 del mese di febbraio.

Il sussidio dura 18 mesi

Una cosa che bisogna ricordare a quanti già percepiscono il sussidio è che il reddito di cittadinanza si percepisce per una durata di 18 mesi. I primi che hanno ricevuto il benefit, cioè quanti hanno presentato domanda a marzo 2019, sono arrivati al decimo mese di incasso. Se per questi il pagamento del reddito di cittadinanza scatterà tra il 27 e la fine del mese di febbraio, per chi ha proposto domanda nel corrente mese, dovrà attendere il 15 marzo per il primo pagamento utile, naturalmente dopo aver ritirato la card alle Poste, se ha ricevuto il messaggio di conferma accettazione della domanda. Sarà proprio dal 15 marzo che l’Inps contatterà coloro a cui la domanda è stata accolta, per il ritiro della card.

Rischio sospensione del reddito di cittadinanza, per chi?

Per chi non ha aggiornato l’Isee 2020 entro il 31 gennaio, la ricarica non verrà corrisposta ed il sussidio sarà sospeso. La sospensione non è decadenza dal beneficio, perché anche coloro che non incasseranno il sussidio per colpa del mancato rinnovo dell’Isee, non appena adempieranno, torneranno a percepire il sussidio, sempre che ne continuino ad avere diritto. Un evento questo che può essere molto importante come numeri. Infatti a gennaio sono stati circa 69mila i provvedimenti di sospensione proprio perché i beneficiari non hanno rinnovato l’Isee. Una fattispecie di situazione da non sottovalutare è un Isee con anomalie. Capita spesso che un soggetto abbia presentato la Dsu per il rinnovo dell’Isee, ma questa presenta delle anomalie che vanno sistemate. Fino a che il soggetto interessato non sistema la sua Dsu, l’Inps non rilascerà l’attestazione Isee corretta e utilizzabile e pertanto, il sussidio potrebbe essere bloccato.