Autore: Stefano Calicchio

INPS - Ammortizzatori sociali

Reddito di cittadinanza e pagamento di ottobre 2020: ecco le date di accredito

Con la chiusura del mese di ottobre molti percettori del reddito e delle pensioni di cittadinanza guardano all’arrivo del pagamento relativo sussidio di welfare: ecco a partire da quando verrà pagato.

Il reddito di cittadinanza rappresenta un sussidio fondamentale per tante famiglie che vivono situazioni di disagio economico e sociale e che ora si trovano a fare fronte anche agli effetti della crisi dettata dalla diffusione del coronavirus. A confermare il quadro della situazione ci sono gli ultimi dati Inps risalenti alla metà del mese corrente, che rilevano una platea complessiva di percettori pari a circa 2,2 milioni di nuclei familiari (il dato comprende sia il pagamento del reddito che delle pensioni di cittadinanza).

Essendo giunti alla fine del mese, in molti si chiedono quando avverrà l’accredito della prossima mensilità. L’Inps ha già confermato le date delle ricariche di ottobre, che saranno garantite a tutti coloro che hanno già effettuato il ritiro della propria card di cittadinanza negli scorsi mesi (per chi ha presentato recentemente domanda sarà necessario attendere qualche giorno in più).

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni e Manovra 2021: come potrebbe cambiare la previdenza tra ape social, opzione donna e quota 41

Reddito e pensioni di cittadinanza, ecco le date di pagamento

Entrando nel merito degli accrediti, i pagamenti relativi al reddito di cittadinanza (e alla pensione di cittadinanza) sono partiti nella giornata del 27 ottobre 2020. Molti percettori potrebbero quindi vedere già oggi l’accredito della mensilità di welfare sulla propria tessera fornita da poste italiane. È possibile eseguire un controllo anche tramite la propria area riservata del sito Inps, oppure con l’apposita App di Poste Italiane.

Il caso è invece differente per coloro che hanno presentato la domanda nel corso del mese corrente. I nuovi richiedenti dovranno infatti attendere l’emissione della tessera, con la data del possibile ritiro presso il proprio ufficio di riferimento di Poste Italiane fissata al prossimo 15 novembre 2020. La card conterrà però nel proprio saldo la prima mensilità del sostegno di welfare già accreditata.

Infine, c’è da considerare che per molti beneficiari il sussidio compie a ottobre 2020 diciannove mesi di erogazione. La legge prevede al 18mo mese la decadenza automatica del beneficio, ma resta sempre possibile effettuare una domanda di rinnovo tramite il proprio patronato di fiducia o tramite l’Inps, presentando la documentazione necessaria (il modulo SR180) e il modello Isee aggiornato. Il rinnovo prevede il periodo di un mese di sospensione, durante il quale non si ha diritto alla percezione dell’assegno mensile.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, il Covid colpisce anche la previdenza integrativa: in tanti smettono di versare contributi