Autore: B.A

Reddito di cittadinanza

5
Mag 2020

Reddito di cittadinanza: compatibile con il bonus 600 euro e col reddito di emergenza

In attesa che il Consiglio dei Ministri ratifichi il decreto, nella bozza scompaiono le incompatibilità.

Chi percepisce il reddito di cittadinanza potrebbe ottenere anche il bonus 600 euro e il reddito di emergenza. È quanto emerge dalla bozza del decreto di aprile, che a dire il vero, adesso chiamano decreto economico visto che non è stato possibile ultimarlo per aprile. Naturalmente non tutti i beneficiari del reddito di cittadinanza potranno ottenere gli indennizzi previsti dai decreti emergenziali del governo. E soprattutto, non si percepirà l’intero ammontare del bonus 600 euro o del reddito di emergenza. Fatto sta che nella bozza di decreto scompare la parola incompatibilità tra redditi di cittadinanza e altre misure assistenziali per il Covid-19.

Bonus 600 euro anche a chi prende il reddito di cittadinanza

Nel precedente decreto, quello di marzo, meglio conosciuto come decreto «Cura Italia», era riportato nero su bianco che il bonus 600 euro era incompatibile col bonus 600 euro. Chi percepisce il reddito di cittadinanza non ha potuto presentare domanda per il bonus 600 euro, a prescindere dalla cifra incassata col reddito di cittadinanza. La misura di cui il Movimento 5 Stelle è ferreo sponsor, ha un meccanismo alquanto particolare, con gli importi erogati che variano a seconda di diversi fattori. E questi importi sono molti diversi tra loro, oscillando da poche decine di euro a ricariche opera i 1.000 euro. Nella incompatibilità del reddito di cittadinanza con le misure del governo, molti hanno visto una sorta di discriminazione, soprattutto perché dal bonus 600 euro per esempio, è stato escluso anche chi percepisce un bassissimo reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE: Fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese nel decreto di maggio, lo ha anticipato Gualtieri in Parlamento

Cosa cambia nel decreto di maggio

Da indiscrezioni e voci di corridoio, sembra che il Consiglio dei Ministri per il decreto di emergenza sarà svolto domani 6 maggio. Per il momento le uniche notizie degne di essere commentare sono quelle relative alla bozza che da giorni circola. Naturalmente essendo una bozza, tutto ciò che contiene deve essere confermato dalla stesura definitiva del testo. La bozza però, riporta l’ok al bonus 600 euro ai beneficiari.

Tutto sembra confermare che alcuni beneficiari del reddito di cittadinanza potranno ricevere il bonus 600 euro. Il comma 19 dell’articolo 22 della bozza, recita testualmente che: “Le indennità di cui ai commi 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 10 (reddito di emergenza e bonus 600 euro tra le alte, ndr) sono altresì riconosciute ai soli percettori di reddito di cittadinanza ai sensi del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito con modificazioni dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, fino al raggiungimento della somma complessiva di 600 euro se l’importo del reddito di cittadinanza in godimento è inferiore a 600 euro.”

Tradotto in termini pratici, il bonus 600 euro andrebbe ad integrare il reddito di cittadinanza. Così per esempio, chi prende 300 euro come reddito di cittadinanza, stando a ciò che riporta la bozza, potrebbe essere integrato di ulteriori 300 euro. La chiarezza in questo come in altri provvedimenti del governo è sempre un lontano esercizio. A maggior ragione questo che riguarda una bozza e non il decreto definitivo. Il reddito di cittadinanza già di per sé è una integrazione al reddito dei suoi beneficiari (fino a 780 euro con casa in affitto e fino a 500 euro con casa di proprietà o diritto diverso dall’affitto).

L’unica cosa chiara è che rispetto al decreto Cura Italia dove il bonus 600 euro non era riservato ai percettori del reddito di cittadinanza, adesso si può percepire. Inoltre il bonus 600 euro è circoscritto a determinate categorie di lavoratori e quindi solo chi rientra tra queste categorie (stagionali del turismo, agricoli, commercianti, artigiani ecc.), E contemporaneamente è beneficiario del reddito di cittadinanza potrà avere accesso al bonus come integrazione.

LEGGI ANCHE: Taglio pensioni: ecco a partire da quale importo sono al sicuro

Reddito di emergenza anche per chi ha il reddito di cittadinanza

Anche la incompatibilità tra reddito di cittadinanza e reddito di emergenza non sarà un fattore inserito nel decreto di aprile. Il reddito di emergenza potrà essere percepito anche da chi prende il reddito di cittadinanza, se ore a integrazione dello stesso. La nuova misura sarà impostata su un importo compreso tra 400 ed 800 euro, calmierato sulla composizione del nucleo familiare. Questo ciò che prevede la bozza, in attesa del decreto. Quindi, chi prende il reddito di cittadinanza potrebbe ottenere l’integrazione col reddito di emergenza, ma fino alla soglia massima di 800 euro. Ripetiamo, sono ipotesi, inserite nella bozza di decreto.