Polizza casalinghe: chi la deve rinnovare entro il 31 gennaio

Polizza casalinghe: chi la deve rinnovare entro il 31 gennaio

Dal 1° al 31 gennaio è possibile rinnovare la polizza casalinghe al costo di costo di 24 euro. Scopriamo chi dovrebbe pagare la quota annuale e come fare per riuscirci in modo corretto.

Tra il 1° e il 31 gennaio 2021 sarà possibile effettuare il rinnovo della polizza casalinghe obbligatoria per le persone tra 18 e 67 anni che svolgono attività di cura della famiglia e dell’abitazione gratuitamente. Chi è già iscritto riceverà un avviso di pagamento da parte dall’INAL, mentre chi intende iscriversi dovrà inviare la domanda tramite specifici servizi online dedicati all’assicurazione messi a disposizione dall’Istituto.

Tramite un comunicato stampa, l’INPS informa che il premio annuale per il 2021 è pari a 24 euro. Scopriamo tutti i dettagli su questa assicurazione e vediamo chi sono le persone che devono richiederla.

Cos’è la polizza casalinghe

L’assicurazione casalinghe, anche conosciuta come polizza INAIL contro gli infortuni domestici, è stata introdotta dalla legge numero 493 del 3 dicembre 1999. È obbligatoria per tutti coloro che svolgono a titolo gratuito compiti di cura dei familiari e della casa. L’assicurazione ha lo scopo di coprire i rischi di infortuni che possono esserci durante le attività quotidiane e vuole valorizzare chi si dedica in maniera abituale, esclusiva e gratuita, alle attività in ambito domestico. Il costo annuale è di 24 euro e il rinnovo deve essere fatto entro il 31 gennaio 2021.

L’INPS ha reso noto un vademecum per il prossimo anno, un vero e proprio manuale contenente tutte le informazioni utili legate alla polizza tra cui le novità normative e tutto quello che è essenziale sapere per il pagamento del premio annuale. Tutti coloro che hanno già effettuato l’iscrizione a questa assicurazione, riceveranno un avviso di pagamento/IUV dall’INAIL e potranno pagare attraverso di esso.

I soggetti obbligati a sottoscrivere la polizza sono i titolari di pensione che non hanno superato i 67 anni, i cittadini stranieri residenti in Italia in modo regolare e senza occupazione, gli studenti che studiano ancora e dimorano in una località diversa rispetto alla città di residenza e che si occupano dell’ambiente in cui vivono e anche i lavoratori in mobilità, quelli in cassa integrazione guadagni o beneficiari di prestazioni a carico dei Fondi di integrazione salariale.

Anche tutti coloro che volgono un’attività lavorativa che non copre l’intero anno, ad esempio lavoratori stagionali, lavoratori temporanei e i lavoratori a tempo determinato dovranno sottoscriversi alla polizza: in questi casi la copertura sarà valida solo nei periodi in cui non viene svolta un’altra attività lavorativa.

Come pagare l’assicurazione casalinghe

Dal 1° gennaio 2020 si possono trovare sul sito INAIL alcuni servizi online dedicati all’assicurazione.

Nello specifico ci sono domande di iscrizione e richiesta di avviso di pagamento e anche domanda di iscrizione e rinnovo con dichiarazione sostitutiva. Nel primo caso si potrà ricevere l’avviso di pagamento PagoPa, nel secondo invece si otterrà l’assicurazione anche senza pagare se si rispettano determinati requisiti di reddito.

Per pagare è possibile farlo utilizzando l’avviso ricevuto via posta dall’INAIL per pagare online sul sito dell’Istituto, sul sito di Poste Italiane o delle banche. In alternativa il pagamento può essere effettuato in tutti gli uffici di Poste Italiane, in banca, al bancomat, presso le ricevitorie, i tabaccai e i supermercati abilitati al servizio, utilizzando contanti o carte, oppure con addebito in conto corrente.