Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS - Ammortizzatori sociali

Pensioni e Pin Inps Dispositivo: ecco come richiederlo ed in quanto tempo si ottiene

Grazie al Pin dispositivo è possibile accedere a numerosi servizi legati alla propria pensione: ecco la procedura da seguire per effettuare la richiesta.

Il Pin Dispositivo Inps rappresenta uno strumento di riconoscimento utile per poter gestire la propria posizione personale nel sito dell’Inps e per eseguire operazioni o inviare richieste all’ente pubblico. Chi possiede già un Pin di tipo ordinario deve quindi inoltrare un’apposita richiesta ed attendere che la conversione vada a buon fine.

Con i codici PIN standard (si pensi ad esempio allo SPID o alla CNS - Carta Nazionale dei Servizi) si può infatti accedere al sito dell’Inps solo in versione consultiva, ma non operativa. Questo significa che è possibile effettuare operazioni di controllo, come ad esempio verificare le date di pagamento della propria pensione o di eventuali sussidi e assegni di welfare (si pensi ad esempio alla Naspi o al reddito di cittadinanza).

Oltre a ciò, è possibile effettuare un controllo rispetto allo storico dei versamenti effettuati durante la propria carriera lavorativa attraverso l’estratto conto contributivo, che visualizzerà la propria posizione completa per tutte le gestioni dove esistono degli accrediti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, ancora proposte sulla quota 100: ‘ognuno si paghi la sua uscita flessibile’

A cosa serve il PIN dispositivo e come richiederlo all’amministrazione pubblica

Entrando nello specifico, la differenza tra il Pin Dispositivo e gli altri Pin di accesso evidenziati in precedenza è il fatto di poter effettuare richieste e operare online inviando direttamente le proprie pratiche presso l’Inps, senza la necessità di operare attraverso degli intermediari. La possibilità di agire in autonomia rende quindi estremamente utile essere in possesso del proprio Pin dispositivo.

Per poterlo richiedere all’Inps è necessario recarsi innanzitutto sul portale web dell’ente e scrivere all’interno della barra dedicata alla ricerca le due parole chiave “Pin Online”. A questo punto basta cliccare sul relativo servizio e si aprirà una finestra nella quale sarà possibile procedere con l’operazione. Nel caso in cui si risulti già in possesso di un Pin non dispositivo sarà possibile richiederne la conversione, cliccando sulla voce “Converti Pin”.

Bisognerà quindi effettuare l’accesso al sito e successivamente verrà richiesta la conferma dei dati personali. Al termine dell’operazione sarà infine possibile scaricare il modulo da stampare e firmare. Completando quest’ultimo si procederà all’invio della relativa scansione allegando un documento di identità in corso di validità. La richiesta di conversione viene generalmente eseguita nelle 24 ore successive al corretto invio della documentazione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate 2020, ecco come potrebbe funzionare l’ipotesi della quota 101

Cosa fare se non si è in possesso del Pin ordinario

Chi non è ancora in possesso di un codice valido da convertire in dispositivo dovrà innanzitutto effettuare la richiesta del Pin ordinario. In questo caso sarà necessario recarsi presso il sito dell’Inps e cercare tra il menù la voce “prestazioni e servizi”. Tra questi è necessario selezionare la voce “Richiesta PIN On Line”.

Il codice PIN inizialmente è composta da 16 caratteri. I primi 8 caratteri vengono inviati attraverso un SMS, mentre gli altri 8 sono spediti tramite posta ordinaria al proprio indirizzo di residenza. Al primo indirizzo il codice PIN da 16 caratteri viene sostituito con un codice da 8 caratteri, da conservare per gli utilizzi successivi.