Autore: Stefano Calicchio

Pensione - Scuola

Pensioni docenti, nella scuola accertamento del diritto entro il 29 maggio

Una nuova informativa in arrivo dall’Inps chiarisce il percorso delle istanze per l’accesso alla pensione dei docenti che hanno inviato le pratiche entro il 10 gennaio.

Dall’Inps arriva un nuovo approfondimento in merito alle istanze di accertamento relative alla maturazione delle pensioni degli insegnanti e dei dirigenti scolastici che hanno prodotte le domande entro lo scorso 10 gennaio. La risposta dell’ente previdenziale pubblico dovrà arrivare entro e non oltre la scadenza del 29/05.

Lo afferma l’Inps con un comunicato all’interno del quale si indicano gli adempimenti necessari per poter assolvere al coordinamento con il Ministero dell’Istruzione. In tal senso, il comparto scolastico vede infatti disciplinare le uscite in base al calendario di studio, in modo da garantire la continuità del servizio fino all’inizio di settembre di ogni anno.

TI POTREBBE INTERESSARE: Parità di genere, la Commissione europea presenta il piano per il 2020-25

Come funziona la doppia istanza per l’accesso alla pensione nella scuola

Stante la situazione appena evidenziata, all’interno della circolare del Miur nella quale si specificano le modalità di accesso alla pensione dal prossimo 1° settembre 2020 si ricorda la possibilità di presentare contemporaneamente due differenti istanze, dedicate rispettivamente alla maturazione dei requisiti tradizionali per la quiescenza (in base alla specifica opzione alla quale si vuole dare seguito) ed all’uscita dal lavoro tramite la quota 100.

Seguirà la certificazione di entrambe, a cui verrà assegnata anche l’autorizzazione del Miur. Ovviamente il pensionamento avverrà solo per la domanda prevalente. Per evitare di rimanere senza stipendio e senza pensione dall’inizio del nuovo anno scolastico è necessario infine spuntare la dichiarazione di salvaguardia e presentare domanda di pensione all’Inps con tempestività (considerando i possibili ritardi nella lavorazione della domanda).

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, Castelli (Mef) su lavoro di cura: verso norma per i genitori assenti dall’impiego