Autore: Stefano Calicchio

Pensione

Pensioni dicembre 2020: tredicesima, bonus 155 euro e quattordicesima, verso il maxi pagamento anticipato dal 25 novembre

Si avvicina la data di pagamento delle pensioni di dicembre, con la tredicesima e per alcuni anche il bonus 155 euro e la 14ma mensilità: per chi ha scelto il ritiro in contanti si parte dal prossimo 25/11.

È in arrivo il maxi pagamento delle pensioni di dicembre 2020, con possibilità di ritiro anticipato per coloro che hanno scelto di ricevere il proprio assegno in contanti presso l’ufficio postale più vicino. Le regole di contrasto agli assembramenti hanno infatti confermato da tempo il calendario anticipato di fruizione degli assegni previdenziali, che con la prossima tornata vedranno concretizzare un vero e proprio maxi pagamento.

A dicembre 2020 sono infatti attese le tredicesime mensilità, che si vanno a sommare alla pensione ordinaria e all’eventuale bonus da 155 euro. Per alcuni pensionati si concretizzerà anche il rateo della quattordicesima mensilità, avendo maturato il vincolo anagrafico (insieme agli altri requisiti di legge) in data successiva al pagamento dello scorso luglio. Ma procediamo con ordine e facciamo innanzitutto il punto della situazione in merito ai prossimi emolumenti previdenziali e a coloro che potranno beneficiarne.

Pensioni di dicembre 2020: dall’Inps in arrivo il maxi pagamento con tredicesima e per alcuni anche bonus e 14ma

Il mese di dicembre è tradizionalmente considerato sia dai lavoratori che dai pensionati come quello della tredicesima mensilità. La pensione di questa mensilità potrebbe però essere arricchita anche di ulteriori emolumenti, in base alla specifica situazione del pensionato. Nella pratica, la 13ma spetta a tutti coloro che hanno maturato delle prestazioni dirette (come la pensione di vecchiaia, di anzianità o anticipata) che indirette (come nel caso delle pensioni di reversibilità o pagate ai superstiti).

La tredicesima spetta anche in favore di alcuni specifici casi di assegni con natura assistenziale, come nel caso dell’assegno sociale e della pensione di invalidità. Non viene pagata in caso di percezione di indennità di accompagnamento alla pensione vera e propria. Si pensi ad esempio all’APE sociale. Infine, anche la pensione di cittadinanza non prevede l’erogazione di una tredicesima.

Il bonus da 154,94 euro (arrotondate spesso per praticità a 155 euro) spetta invece in favore di tutti i pensionati con un reddito annuale fino a 6596,46 euro e in misura parziale a partire da questa cifra e fino a 6751,40 euro. Infine, la quattordicesima mensilità viene erogata in misura parziale. Infatti, la 14ma mensilità matura nel mese di dicembre (in via parziale) per tutti coloro che possiedono i requisiti reddituali e contributivi e che hanno raggiunto i 64 anni in un momento successivo all’erogazione dello scorso mese di luglio 2020.

Pensioni e maxi pagamento anticipato di dicembre 2020: si parte dal prossimo 25 novembre

Il calendario anticipato del maxi pagamento delle pensioni di dicembre 2020 prevede il ritiro dell’assegno in contanti in base alle iniziali del cognome. Si parte il prossimo 25 novembre con le lettere A e B e si prosegue il 26 novembre con C-D, il 27 novembre dalla E alla K, il 28 dalla L alla O e il 30 dalla P alla R. Si conclude il prossimo 1° dicembre con le lettere restanti.

Resta attiva per gli over 75enni la convenzione con l’Arma dei Carabinieri, che consente la consegna della pensione direttamente a casa qualora non vi siano altre opzioni di delega al ritiro. Infine, per chi ha scelto l’accredito su conto corrente bancario o postale, la pensione verrà pagata il prossimo 1° dicembre 2020 indipendentemente dal tipo di circuito (cadendo sia per le Poste che per le banche come primo giorno bancabile).