Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS

Pensioni, da ottobre stop al PIN: sarà indispensabile avere lo SPID

Cambiamenti in vista nel sistema di riconoscimento utile per l’accesso al sito dell’Inps. A partire dal prossimo 1° ottobre 2020 non sarà più possibile ottenere il PIN.

Arrivano importanti aggiornamenti in merito alle modalità di accesso al sito web dell’Inps. In base a quanto comunicato dall’ente pubblico di previdenza attraverso la circolare numero 87 del 2020, a partire dal prossimo 1° ottobre non sarà più possibile ottenere il PIN utile per accedere ai servizi offerti dall’Inps. Il passaggio prevede comunque una fase transitoria, durante la quale verrà lasciato ai contribuenti il tempo utile per effettuare il passaggio al nuovo sistema.

La fase di sperimentazione deriva da un confronto in essere tra il Ministero del Lavoro e quello per l’Innovazione tecnologica, oltre che con l’Agenzia per l’Italia Digitale. Grazie a questa scelta, si punta a semplificare ulteriormente il rapporto dei cittadini con l’amministrazione pubblica, visto che tutti i servizi erogati dalla PA potranno risultare disponibili tramite lo stesso processo di verifica dell’utenza.

Pensioni, dal 1° ottobre il PIN Inps non sarà più disponibile al rilascio

Stante la situazione appena evidenziata, è importante sapere che a partire dal prossimo mese di ottobre il PIN non potrà più essere rilasciato dall’ente pubblico di previdenza. Per permettere un passaggio graduale l’Inps ha comunque spiegato che prima della scadenza fissata al 1° ottobre 2020 sarà comunque possibile continuare ad accedere ai servizi online tramite le modalità attualmente disponibili

Oltre a ciò, il PIN continuerà a restare valido e in funzione fino alla propria naturale scadenza. Bisogna comunque considerare che al termine della fase transitoria non sarà più fattibile utilizzare tale strumento per poter accedere ai servizi offerti dall’Inps. Diventerà quindi obbligatorio fare ricorso allo SPID oppure a un altro sistema di riconoscimento considerato come valido (CNS - Carta Nazionale dei Servizi oppure Carta d’Identità Elettronica).

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, con il pagamento di agosto 2020 cambia anche il cedolino

Pensioni: che cos’è lo SPID e come funziona

In virtù di quanto appena evidenziato, molti si domandano che cos’è lo SPID e come può essere utilizzato per poter accedere ai servizi dell’Inps dedicati ai pensionati. Con l’acronimo si intende il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Si tratta di un profilo che consente ai soggetti privati di verificare la propria identità ottenendo quindi l’accesso a tutti i servizi della pubblica amministrazione tramite computer, tablet e smartphone.

Per ottenere lo SPID bisogna avere un indirizzo email, un numero di telefono cellulare e un documento di identità valido (carta di identità, passaporto o patente) e il codice fiscale. Per effettuare la richiesta bisogna scegliere un identity provider e registrarsi sul loro sito. I tempi di rilascio dipendono dal singolo fornitore.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il Decreto Rilancio diventa legge: ecco tutti i bonus, dalle auto al REM, fino alla cassa integrazione