Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS - Ammortizzatori sociali

21
Feb 2020

Pensioni anticipate, la verifica tra governo e sindacati il 13 marzo 2020

Dopo il ciclo di incontri di febbraio sulla riforma delle pensioni gli occhi dei lavoratori restano puntati sul prossimo 13/03, quando esecutivo e parti sociali torneranno a confrontarsi.

Il confronto sulle pensioni avviato a gennaio tra governo e sindacati e proseguito con quattro incontri nel mese di febbraio dovrebbe avere il proprio culmine il prossimo 13 marzo 2020, data nella quale è stata organizzata una verifica politica rispetto alle numerose richieste e rivendicazioni riguardanti il settore.

I precedenti tavoli tecnici hanno affrontato il tema della pensione di garanzia, della flessibilità in uscita, della rivalutazione degli assegni e del rilancio della previdenza complementare. Su queste quattro classi di argomentazioni i sindacati attendono quindi riscontri operativi da parte del Ministero del Lavoro e più in generale del governo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, Bitti (UGL): ‘sulla previdenza complementare serve un vero sostegno fiscale’

Riforma pensioni 2020, per le fonti sindacali a marzo partirà la vera trattativa con l’esecutivo

Nelle prossime settimane dovrebbe quindi sbloccarsi la situazione di attesa che finora ha caratterizzato gli appuntamenti di verifica avvenuti nelle scorse settimane e durante i quali si è arrivati ad una semplice formalizzazione delle richieste sindacali all’esecutivo.

Il problema resta quello della verifica delle coperture, così come dei fondi che l’esecutivo intende realmente stanziare per avviare la riforma del settore previdenziale. Da questi elementi si potrà infatti comprendere quale sarà la reale portata dell’operazione. Non a caso i sindacati fanno sapere che al tavolo del prossimo 13 marzo partirà con molta probabilità la “trattativa vera” rispetto al superamento della legge Fornero.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni 2020, terminato ieri il ciclo di incontri di febbraio tra governo e sindacati