Autore: Stefano Calicchio

INPS - Pensione

Pensioni, Ghiselli (Cgil) torna a chiedere una soluzione per tutti gli esodati

Il Segretario Confederale della Cgil interviene sui mancati accessi alla pensione nel caso dei lavoratori esodati ricordando la necessità di risolvere il problema in via definitiva.

Tra le questioni rimaste ancora aperte in campo previdenziale c’è anche il problema del mancato accesso alla pensione per la categoria dei lavoratori esodati. Il nodo è stato discusso all’interno dell’ultimo tavolo negoziale tenutosi tra Ministero del Lavoro e piattaforma sindacale, durante il quale i rappresentanti dei lavoratori sono tornati a chiedere una soluzione definitiva.

A ribadire la necessità di un intervento è stato il Segretario Confederale della Cgil Roberto Ghiselli, all’interno di una recente intervista rilasciata alla giornalista Erica Venditti del sito “Pensioni Per Tutti”. Durante il proprio intervento, il sindacalista ha fatto il punto della situazione, spiegando qual è attualmente lo stato delle cose al riguardo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate: le novità su APE, opzione donna e quota 41 dopo l’incontro tra governo e sindacati

Riforma pensioni, il governo è chiamato a scegliere sulla vicenda degli esodati

Rispetto a quanto appena evidenziato Roberto Ghiselli ha spiegato che prima di tutto è necessario attendere che il governo esprima la propria scelta in merito a quale intervento attuare per superare la vicenda degli esodati. Secondo l’esponente della Cgil, è infatti essenziale che l’esecutivo manifesti la propria volontà di affrontare la questione per risolverla.

Una volta assolto questo passaggio, sarà possibile entrare nel merito degli aspetti più tecnici, al fine di valutare quale percorso normativo potrà essere adottato per arrivare a una soluzione davvero definitiva. Da parte del sindacato, si conferma la volontà di portare avanti le rivendicazioni poste da questi lavoratori.

A tal proposito, il Segretario Confederale ha ricordato gli incontri che si sono susseguiti nel tempo con molti esponenti della categoria, tanto che la Cgil ha partecipato nella scorsa settimana al presidio organizzato da alcuni di questi gruppi davanti al Ministero del Lavoro.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni di invalidità e aumento a 651 euro: domanda da presentare entro il 30 ottobre, ecco come funziona