Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS - Ammortizzatori sociali

17
Feb

Pensioni 2020 e modello Red: per chi è soggetto all’adempimento assegni a rischio nel mese di febbraio senza l’invio

A partire dal mese di febbraio chi riceve una pensione sociale, minima, di invalidità o di accompagnamento vede collegare l’erogazione dell’emolumento all’invio del modello Red.

Per molti pensionati tra gli appuntamenti chiave da segnare nel calendario nel mese di febbraio c’è sicuramente l’invio del cosiddetto modello Red, Icric, Iclav o Acc-AS/PS. Si tratta di una documentazione essenziale per vedersi garantire la continuità di accredito dell’assegno previdenziale, stante che il mancato assolvimento della pratica può comportare ritardi o addirittura sospensioni nei pagamenti.

La necessità di assolvere all’invio dei modelli è posta in capo al titolare della pensione, stante che ormai da diversi anni l’istituto pubblico di previdenza non effettua più l’invio della lettera a casa contente il modello da restituire debitamente compilato. La responsabilità resta quindi del pensionato, che dovrà procedere in autonomia al reperimento della modulistica e all’assolvimento della pratica.

Resta però sempre possibile farsi assistere dal proprio patronato di fiducia, che provvederà alla compilazione della parte burocratica e all’invio telematico presso l’Inps dei documenti per conto del pensionato. Chi vorrà fare tutto in autonomia dovrà invece risultare in possesso del proprio codice Pin, dello Spid oppure della CNS (carta nazionale dei servizi).

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, Ghiselli (Cgil): riforma sull’uscita dai 62 anni o con 41 anni di contributi’

Pensioni e invio del modello RED: la scadenza fissata entro il 20 febbraio

Per quanto concerne invece la scadenza da rispettare per l’invio delle pratiche riguardanti i redditi, il termine amministrativo risulta fissato per il prossimo 20 febbraio 2020. In sintesi, è importante ricordare che nel modello RED vengono indicati i redditi posseduti (comprensivi di quelli già indicati all’interno della dichiarazione dei redditi).

L’Icric riguarda invece le dichiarazioni relative ai ricoveri degli invalidi totali che percepiscono una indennità di accompagnamento, mentre l’Iclav è relativa alle dichiarazioni per gli invalidi civili che svolgono attività lavorative. Infine, l’ACC-AS/PS è legato a coloro che percepiscono una pensione sociale, dovendo dichiarare la dimora e l’eventuale ricovero in una struttura specializzata.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni, intervista a Orietta Armiliato (CODS): ’donne sempre più sfiduciate, serve riconoscere il lavoro di cura’