Autore: Giacomo Mazzarella

INPS

Novità Inps bonus maggio stagionali, co.co.co e liberi professionisti

Nuova circolare dell’istituto previdenziale sul bonus maggio, ecco cosa fare.

Molti lavoratori che hanno subito sulla loro pelle la crisi economica post Covid-19 sono in attesa dell’ultima mensilità di bonus spettante. Si tratta dei lavoratori somministrati, dei liberi professionisti, dei collaboratori coordinati e continuativi, e dei lavoratori stagionali. Tutti in attesa della cosiddetta indennità Covid. Al riguardo l’Inps con una recente circolare ha illustrato alcuni chiarimenti e alcune novità riguardo queste misure. Ecco cosa ha detto l’Inps e di cosa si tratta.

Bonus stagionali, nuova circolare Inps

Il 6 luglio scorso l’Inps ha diramato una nuova circolare che di fatto, insieme alle note riepilogative riguardo la misura straordinaria di sostegno introdotta dal decreto Rilancio per supportare i lavoratori in condizioni di difficoltà economica causata dall’emergenza epidemiologica da Covid-19, spiega anche alcune importanti novità in materia.

Prima di tutto la circolare dell’Inps sottolinea chi sono i soggetti tenuti a presentare domanda per vedersi riconoscere il benefit. Ci sono delle modifiche a livello di requisiti e inoltre, il decreto rilancio ha allargato la platea degli aventi diritto, pertanto, molti dei lavoratori interessati saranno costretti a dover presentare istanza per il riconoscimento del bonus.

Hanno diritto al bonus per il mese di maggio 2020 i liberi professionisti, i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa (cosiddetti co.co.co), i lavoratori stagionali del settore turistico e degli stabilimenti termali. Per questi ultimi occorre rispettare una determinata condizione e cioè che alla data del 19 maggio 2020, i richiedenti non devono risultare beneficiari di pensione diretta, titolari di assegno di disoccupazione indennizzata Inps (Naspi) o con un contratto di lavoro dipendente in essere.

LEGGI ANCHE: Tasse: stop ad acconti e saldi, si pensa a pagamenti mese per mese

Lavoratori in somministrazione, bonus anche per aprile

I lavoratori in somministrazione che hanno perso l’occupazione tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, se impiegati nei settori del turismo e degli stabilimenti termali, potranno avere accesso al bonus sia per il mese di aprile che per quello di maggio. Ma occorre presentare domanda. Infatti, per chi ha ricevuto già il bonus a marzo e aprile, questo sarà automaticamente erogato anche per il mese di maggio. I liberi professionisti, i co.co.co e appunto, i lavoratori somministrati, oltre agli stagionali che non hanno presentato domanda per i precedenti mesi, dovranno inoltrarla adesso.

La domanda per il bonus e come fare

La procedura di domanda è telematica. Occorre infatti essere in possesso, alternativamente, di Pin dispositivo Inps, di Spid, di Carta nazionale dei Servizi o di Carta di Identità Elettronica. In via del tutto straordinaria, basterà anche la sola prima parte del Pin Inps per chi non lo ha mai richiesto e si accinge a farlo solo ed esclusivamente per presentare richiesta di bonus. In alternativa è possibile rivolgersi ai Patronati che sono gli enti che il governo a scelto per aiutare gli interessati a presentare istanza.