Autore: B.A

Naspi - Sussidi di disoccupazione

Naspi e Dis-Coll: arrivano due mesi di sussidio in più, ecco a chi toccano

Come previsto dal decreto Agosto, altri due mesi in più per Naspi e Dis-Coll, le due indennità per disoccupati erogate dall’Inps

Il Decreto legge n° 104 del 14 agosto 2020, il cosiddetto “decreto Agosto" ha introdotto una buona notizia per molti beneficiari di Naspi e Dis-Coll. Si tratta di una novità che riguarda i percettori delle due indennità per disoccupati erogate dall’Inps, rispettivamente per i lavoratori subordinati e per i collaboratori. Il decreto Agosto, quello che reca “Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia”, allunga di due mesi la durata del beneficio per molti di questi disoccupati.

Una misura introdotta per via dell’emergenza Coronavirus che adesso sortirà l’effetto atteso, cioè con le due mensilità in più che finiranno nelle tasche dei disoccupati. Lo ha confermato ufficialmente l’Inps con la sua circolare n° 111/2020 pubblicata sul portale ufficiale dell’Istituto ieri 29 settembre. Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa novità, come si fa a recuperare questi due mesi in più di benefit e la platea degli interessati.

Naspi e Dis-Coll, proroga automatica

L’Inps, è pronta ad erogare gli altri due mesi di indennità di disoccupazione previsti dal decreto Agosto e lo farà d’ufficio. Infatti come lo stesso istituto Previdenziale specifica nella sua circolare, non ci sarà assolutamente bisogno di alcuna nuova istanza da parte degli interessati.

I beneficiari di questo surplus di durata per le indennità per disoccupati Inps restano quelli già beneficiari della prima proroga concessa ad inizio epidemia. Infatti i due mesi in più di sussidio spettano ai disoccupati ai quali è scaduta la Naspi o la Dis-Coll, cioè è terminato il periodo di copertura, tra maggio e giugno.

L’Inps sottolinea che i due mesi di extra sussidio non sono incompatibili con i precedenti due e pertanto potranno ottenere questi due mesi in più anche coloro che hanno già avuto accesso alla prima proroga, anche in quel caso automatica e senza necessità di nuove domande.

I chiarimenti Inps nella circolare

Un caso particolare che l’Inps affronta nella sua circolare è quello relativo a disoccupati che hanno presentato adesso richiesta di Ape sociale o quota 41 precoci. Infatti la categoria dei disoccupati è una di quelle che ha accesso all’Anticipo Pensionistico sociale e allo scivolo per precoci, ma è necessario che sia terminato il periodo di fruizione della Naspi da almeno 3 mesi prima di poter presentare domanda di pensione.

In questo caso l’Inps specifica che per quanti hanno prodotto domanda di certificazione del diritto, tanto per l’accesso ad Ape sociale che per l’accesso a quota 41 precoci, può richiedere di volersi avvalere della proroga di Naspi e Dis-coll entro il 31 ottobre. Questo a condizione che la domanda di certificazione del diritto ad uno dei due canali di uscita per la pensione sia stata presentata entro il 29 settembre 2020.

L’Inps conferma anche che le indennità Naspi e Dis-Coll, con periodo di fruizione terminato tra maggio e giugno 2020, sono prorogate per altri due mesi ma solo se il beneficiario di una delle due prestazioni, non sia anche destinatario di alcuna delle indennità Covid previste da uno dei tre decreti emergenziali emanati dal governo (Decreto Cura Italia, Decreto Rilancio e Decreto Agosto).

Quindi, per esempio, la proroga di due mesi non spetta a chi ha percepito le indennità per le badanti e per i lavoratori domestici, per i marittimi o per gli sportivi.
La proroga di due mesi Naspi e Dis-Coll non spetta nemmeno a chi ha percepito la Naspi in forma anticipata anche se la scadenza del periodo di fruizione cascava tra maggio e giugno 2020.