Autore: Giacomo Mazzarella

Camera

Manovra, il 27 dicembre fiducia alla Camera, ecco i provvedimenti inseriti

È stato approvato già il voto di fiducia sulla Manovra finanziaria 2021, il 27 in Aula per l’approvazione definitiva.

Ormai ci siamo, manca poco al definitivo via libera della manovra finanziaria 2021. Il 27 dicembre è previsto il voto di fiducia alla Camera, dopo che proprio a Montecitorio è stato dato l’ok alla fiducia. Se il 27 dicembre tutto andrà bene e la manovra otterrà il voto di fiducia, la legge di Bilancio sarà pressoché approvata dal momento che il passaggio successivo in Senato, sarà una formalità o poco più dal momento che il provvedimento non potrà essere riesaminato per via dei tempi ristretti.

Nel testo della manovra numerosi bonus e indennizzi per famiglie e lavoratori. Dopo i tanti emendamenti, con 270 di questi approvati, molto è cambiato rispetto al testo della prima bozza. Vediamo in sintesi quali sono i più importanti provvedimenti contenuti in una manovra da 40 miliardi di euro.

La manovra 2021 è pronta

Rilancio e sostegno alla crescita per un Paese, l’Italia, gravemente colpita dall’emergenza Covid. Questa la presentazione che il Ministero dell’Economia, con le parole del Ministro Roberto Gualtieri, ha prodotto per la nuova manovra finanziaria.

Le misure più popolari e discusse tra le tante previste restano quelle per la famiglia, con il varo dell’assegno unico per i figli e per il lavoro, con l’entrata a regime del taglio del cuneo fiscale.

In materia lavoro non c’è solo questo, perché ci sono sgravi per le assunzioni di giovani e di donne, la decontribuzione per le imprese, soprattutto quelle del Mezzogiorno, il nuovo stop licenziamenti fino a fine marzo e ultima misura in ordine di pubblicizzazione, un nuovo ammortizzatore sociale per lavoratori autonomi.

Non manca anche un pacchetto pensioni, come prassi. In materia previdenziale infatti restano le proroghe di Opzione donna e dell’Ape sociale, ma anche la nona salvaguardia esodati, l’ennesima. Per quanto riguarda le imprese invece, aiuti importanti sono previsti dal progetto “Industria 4.0” e da un nuovo strumento di accesso al credito con una proroga dei prestiti garanti e della moratoria mutui PMI.

Altri campi di azione della manovra

Ci sono poi fondi destinati a Scuola e Sanità, due settori piuttosto importanti e tra i più colpiti dagli eventi legati al Coronavirus. La manovra come consuetudine ha un rilevante impatto dal punto di vista fiscale. C’è infatti per esempio, la proroga ai vari bonus legati alle ristrutturazioni. Prolungato pure il superbonus per la riqualificazione energetica, bonus per la mobilità sostenibile.

Importante come detto il capitolo per le imprese, con la nuova Iscro ma anche con lo sgravio dei versamenti Inps per chi ha gravi perdite economiche collegate al Covid. Inevitabilmente la manovra è partorita con un occhio alla grave situazione emergenziale di questo lunghi mesi di pandemia. Il 27 dicembre il lavoro di varo della manovra dovrebbe quindi chiudersi per l’entrata in vigore dal primo gennaio, con i provvedimenti che poi dovrebbero passare tramite i vari decreti attuativi.