Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Governo

Lotteria degli scontrini: partenza rinviata al 1° febbraio

La partenza della lotteria degli scontrini ha subito un nuovo rinvio slittando fino al 1° febbraio.

La lotteria degli scontrini, dopo essere slittata dal 2 agosto 2020 a causa della pandemia di Coronavirus che si è diffusa nel Pese, sarebbe dovuta iniziare ufficialmente il 1° gennaio 2021. La partenza della lotteria è stata però ritardata di un altro mese e quindi si dovrà attendere il 1° febbraio 2021 perché prenda il via.

Il Governo ha infatti approvato il 23 dicembre una mini-proroga per ritardare di un mese l’avvio dell’iniziativa. Scopriamo quali sono tutte le novità relative alla lotteria degli scontrini e vediamo per quale motivo c’è stata una proroga rispetto al suo avvio.

Lotteria degli scontrini: al via il 1° febbraio

La lotteria degli scontrini è una manovra contenuta all’interno di un ampio progetto di cashless insieme al cashback di stato. La lotteria è stata ideata dal Governo allo scopo di lottare contro l’evasione fiscale e di combattere contro il lavoro in nero attraverso ricchi premi per i partecipanti che risulteranno essere i fortunati vincitori.

A partire dal 1° dicembre è possibile richiedere il proprio codice lotteria che andrà poi mostrato ai commercianti dopo aver effettuato un acquisto, eppure per l’avvio ufficiale della lotteria degli scontrini sarà necessario attendere fino al 1° febbraio 2021. La manovra, inizialmente al via all’inizio del 2021, è stata infatti prorogata tramite il decreto Milleproroghe allo scopo di concedere un altro po’ di tempo agli esercenti che hanno bisogno di adeguare i loro registratori di cassa alla nuova lotteria.

Il decreto Milleproroghe 2021 ha anche concesso una proroga al 1° marzo 2021 per il via alle segnalazioni al Fisco da parte dei contribuenti di quegli esercenti che non rilasceranno lo scontrino impedendo in questo modo ai cittadini di partecipare alle estrazioni della lotteria che, lo ricordiamo, saranno settimanali, mensili e annuali. Questa proroga potrebbe essere ulteriormente allungata fino al 1° aprile 2021, su questo punto si attendono novità che dovrebbero arrivare nel corso delle prossime settimane.

È invece sicura la proroga al 1° aprile 2021 per adeguare i registratori di cassa telematici: si tratta di un rinvio importante perché ha lo scopo di permettere agli esercenti di avere più tempo per adeguarsi al nuovo tracciato per l’invio dei corrispettivi giornalieri. L’Agenzia delle Entrate, tramite un provvedimento arrivato il 23 dicembre 2020, ha prorogato infatti la data ultima entro cui i commercianti dovranno adeguare i loro terminali registratori telematici per il nuovo tracciato telematico con cui inviare i corrispettivi.

All’interno del provvedimento si legge che «In considerazione delle difficoltà conseguenti alla situazione emergenziale provocata dal Covid-19 e recependo le richieste provenienti dalle associazioni di categoria, viene modificato dal 1° gennaio 2021 al 1° aprile 2021 la data di avvio dell’utilizzo esclusivo del nuovo tracciato telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri “TIPI DATI PER I CORRISPETTIVI – versione 7.0 - giugno 2020».

Per poter permettere agli esercenti di prepararsi nel migliore dei modi all’avvio della lotteria degli scontrini sono state quindi necessarie numerose proroghe. Lo scopo del Governo è comunque quello di far partire l’iniziativa al più presto in modo da finanziare il nuovo Fondo della fedeltà fiscale introdotto con la Legge di bilancio 2021 e destinato alla riforma fiscale.