Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS

23
Gen 2020

Le pensioni prendono il volo: fuga di pensionati all’estero, il Portogallo tra le mete preferite

Sempre più italiani in età avanzata decidono di trasferirsi. Nel corso del 2019 si sono registrate quasi 400mila pensioni pagate fuori dal nostro Paese, per una cifra complessiva vicina al miliardo di euro.

Andare a godersi la pensione all’estero è un’idea sempre più interessante per centinaia di migliaia di italiani. Lo confermano le ultime rilevazioni statistiche, che indicano in circa 400mila gli assegni erogati dalle casse dell’Inps in favore di persone che hanno spostato la propria residenza al di fuori dei nostri confini. D’altra parte, quello che una volta poteva essere un sogno legato alla ricerca di discontinuità rispetto alla monotonia del presente o un proposito finalizzato a beneficiare di un clima migliore oggi diventa un progetto verso una differente qualità della vita.

Entrando nello specifico, gli ultimi dati Inps indicano che nel corso del 2019 sono state erogate circa 388mila pensioni all’estero, per un esborso complessivo appena inferiore al miliardo di euro. Denaro che ha preso la direzione di numerose mete, molte delle quali all’interno degli stessi confini continentali. Più della metà (circa 208mila persone) hanno spostato la residenza in Europa, mentre 86mila pensionati si sono trasferite in nord America e 44mila in Australia.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni anticipate, Ghiselli (Cgil): proposta Puglisi della quota 99 ‘non condivisibile’

Il Portogallo tra le nazioni preferite per un trasferimento da pensionati

Nel novero delle nazioni preferite per un trasferimento in età da pensione il Portogallo rappresenta certamente un caso importante, visto il mix interessante di clima temperato, buon cibo, cultura latina e detassazione. Il costo della vita resta inoltre più basso rispetto a molte zone d’Italia, contribuendo così ad incentivare il trasferimento.

Altre nazioni a noi vicine ed in grado di registrare caratteristiche simili sono Malta e Cipro. Ma a destare qualche preoccupazione è anche il fatto che queste tipologie di trasferimenti sono caratterizzati da un trend in costante crescita. Ad esempio, nel 2016 i pensionati che avevano spostato la propria residenza al di fuori della Penisola erano 373mila. Con l’aggravante che chi prende la strada per l’estero difficilmente cambia idea nel medio e lungo termine.

TI POTREBBE INTERESSARE: Pensioni verso confronto governo - sindacati, Pedretti (Cgil): ‘eravamo invisibili e ora cominciano a vederci’