Laura Torrisi a Verissimo racconta la sua malattia: “Entro ed esco dalla sala operatoria”

Laura Torrisi a Verissimo racconta la sua malattia: “Entro ed esco dalla sala operatoria”

Ospite del salotto di Silvia Toffanin, l’attrice ha ripercorso le fasi della sua malattia e chiesto maggior attenzione da parte delle istituzioni

Nella puntata di sabato 9 ottobre, Silvia Toffanin ha ospitato nel salotto di Verissimo, Laura Torrisi, l’attrice di origini siciliane, che ha iniziato la sua carriera dopo la partecipazione alla sesta edizione del Grande Fratello.

L’ex gieffina recentemente ha pubblicato il suo primo libro dal titolo P.S. Scrivimi sempre, nel quale ha raccontato un periodo difficile della sua vita, quello in cui ha dovuto affrontare l’endometriosi, una malattia cronica che colpisce le donne e che può essere invalidante.

La malattia diagnosticata nel 2009

Laura Torrisi, molto emozionata, ha raccontato gli inizi della malattia, nel 2009, quando aveva 29 anni ed era fidanzata con Leonardo Pieraccioni, conosciuto sul set del suo primo film da protagonista Una moglie bellissima.

La endometriosi è una malattia cronica e invalidante che provoca dolori intensi, capace di portare all’infertilità e di condizionare pesantemente la vita di una donna.

L’attrice racconta che in quegli anni non riusciva a reggersi in piedi per i dolori lancinanti ed era costretta a prendere fino a sette antidolorifici al giorno, per poter portare a termine le riprese in cui era impegnata. In particolare, il ricordo va a quando era sul set della fiction Mediaset, L’onore e il rispetto.

Terminate le riprese di questa fiction, Laura Torrisi decise, nel febbraio dell’anno successivo, di sottoporsi a quello che sarà il primo, di una serie di interventi chirurgici che si susseguiranno nel corso degli anni.

Dopo l’intervento, quasi miracolosamente, arrivò una gravidanza e a dicembre del 2010 nacque, dalla relazione con Leonardo Pieraccioni, sua figlia Martina.

L’arrivo della piccola gli fece trascurare la malattia. “Mi sono goduta Martina per due/tre anni, forse da incosciente”, racconta l’attrice, “ma poi ho trovato la forza di affrontare nuovamente la sala operatoria”.

Laura Torrisi: “Entrare e uscire dalla sala operatoria è destabilizzante”

Negli anni successivi sono diversi gli interventi chirurgici a cui si è sottoposta Laura Torrisi. “Entrare e uscire dalla sala operatoria è destabilizzante. Sono stata aperta e chiusa così tante volte che ora non posso più subire così tante operazioni”, le parole dell’attrice che definisce questa malattia “silenziosa, che provoca dolori fisici e mentali” e a volte è anche “spacca famiglia”, visto che la donna ha difficoltà ad avere rapporti intimi con il partner.

Dopo ogni intervento chirurgico la malattia sembra allentare la morsa per circa un anno, per poi tornare nuovamente a colpire. Laura Torrisi con il suo racconto ha voluto anche sensibilizzare le istituzioni su questa malattia che colpisce una donna su tre.

Infatti, nella sua esperienza di confronto con altre donne malate, che le hanno inviato circa ventimila messaggi, è emerso che sono spaesate e non sanno a chi rivolgersi, oltre a sottolineare il costo elevato degli esami medici. "Bisognerebbe rendere più accessibili questi esami", è la richiesta dell’attrice, che sottolinea, come una diagnosi precoce possa evitare anche di ricorrere all’intervento chirurgico.